OpenAI annuncia GPT-4o: il modello più veloce, più completo e gratuito per tutti gli utenti

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it GPT 4o

OpenAI ha annunciato il lancio del suo nuovo modello di intelligenza artificiale, GPT-4o, durante un evento entusiasmante presso i propri uffici, dove la CTO Mira Murati ha presentato questa innovazione come un passo avanti significativo nel campo dell’IA. Secondo Murati, il GPT-4o rappresenta il “futuro dell’interazione tra noi e le macchine”. Originariamente disponibile solo per gli utenti a pagamento, il nuovo modello sarà ora accessibile gratuitamente, promettendo prestazioni più veloci e accurate.

Questo modello di intelligenza artificiale integra la capacità di elaborazione di testi, immagini e audio in tempo reale.  Disponibile sia in ChatGPT che nell’API di OpenAI, offre servizi avanzati anche agli utenti delle versioni Free, Plus, Team e, prossimamente, Enterprise.

Accessibilità e prestazioni di GPT-4o 

Come appena accennato, tra le novità introdotte, OpenAI ha migliorato la qualità e la velocità delle capacità linguistiche internazionali di ChatGPT e ha integrato la possibilità di caricare immagini, documenti di testo o file audio per analisi approfondite. Queste funzioni verranno implementate gradualmente per garantire un uso sicuro. Durante la presentazione, sono state effettuate dimostrazioni dal vivo delle nuove capacità vocali del modello, includendo una storia della buonanotte su amore e robot e l’utilizzo della funzione fotocamera di un telefono per risolvere un’equazione matematica.

Nonostante il successo delle dimostrazioni, Mira Murati ha evidenziato come OpenAI stia adottando precauzioni per prevenire usi impropri delle nuove funzionalità vocali, anche se i dettagli specifici sulle misure di sicurezza rimangono scarsi. L’evento non ha fornito ampie informazioni su come l’azienda gestirà le problematiche legate al riconoscimento facciale e alla generazione audio.

Inoltre, secondo quanto riportato da Bloomberg, OpenAI sarebbe vicina a finalizzare un accordo per integrare le sue funzionalità di AI generativa nel sistema operativo iPhone di Apple. Questo movimento arriva mentre Apple cerca di spostare risorse verso l’intelligenza artificiale, cercando di competere con prodotti come il modello Gemini di Google. Tuttavia, OpenAI è anche al centro di numerose cause legali da parte di editori e organi di stampa, che accusano l’azienda di aver utilizzato il loro materiale senza compensazione per addestrare i propri modelli di IA.