La NASA ha ripreso il controllo del Rover Ingenuity: prosegue la missione da record

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it NASA Ingenuity

Dopo un periodo di incertezza che ha suscitato preoccupazione, la NASA ha recentemente annunciato, nel corso della serata di sabato, di essere riuscita a ristabilire il contatto con l’elicottero Ingenuity. Questo successo arriva dopo un’interruzione inaspettata delle comunicazioni tra il rover Perseverance e Ingenuity, verificatasi giovedì, nel corso del 72° volo di esplorazione del mini-elicottero sul pianeta Marte.

Tale interruzione non era un evento isolato, dato che Ingenuity aveva già mostrato anomalie in passato, interrompendo un volo senza una causa immediatamente identificabile. In seguito a quest’ultimo blackout, la NASA aveva programmato di effettuare un’accurata verifica dei sistemi dell’elicottero durante la sua più recente ascensione.

Risoluzione dei problemi di comunicazione di Ingenuity

In una dichiarazione rilasciata e pubblicata su una piattaforma non specificata, l’agenzia spaziale statunitense ha informato che è in corso un’attenta analisi dei dati trasmessi da Ingenuity per comprendere le cause dell’interruzione delle comunicazioni. Il rover Perseverance è riuscito a rilevare nuovamente il segnale dell’elicottero dopo aver ricevuto dal team di controllo della missione delle istruzioni specifiche per condurre “sessioni di ascolto prolungate”.

Come accennato poco fa, questo non è il primo blackout che Ingenuity ha affrontato: già nell’anno precedente, l’elicottero aveva subito un’interruzione simile, ma era riuscito a riprendere le proprie operazioni di volo. Tuttavia, al momento è prematuro affermare con certezza se Ingenuity riuscirà a superare anche questa sfida. È importante sottolineare che il mini-elicottero sta già operando ben oltre la durata originariamente prevista per la sua missione.