Uno sguardo ai GPTs gratuiti di Copilot, l’IA di Microsoft

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Copilot GPTs

Microsoft ha avviato il processo di integrazione dei Generative Pre-trained Transformers (GPTs) nella versione senza costi del suo assistente Copilot, rendendo questa novità già accessibile per alcuni utenti. Questa espansione, che non richiede né l’uso del browser Edge né l’identificazione tramite account personale, segna un passo significativo verso una disponibilità più ampia.

Il team di Microsoft ha svelato che questa implementazione non rimarrà un privilegio esclusivo degli abbonati alla versione Pro, anticipando un’imminente distribuzione di ampia portata. La conferma è stata accompagnata dalla pubblicazione di uno screenshot che illustra la novità.

L’espansione dei GPTs nel Copilot Gratuito

Attualmente, gli utenti hanno a disposizione GPTs specializzati in varie funzioni: dalla generazione di immagini a partire da descrizioni testuali, sfruttando la tecnologia di DALL·E 3 di OpenAI (mediante l’uso di Designer), alla pianificazione di viaggi, alla ricerca e preparazione di ricette, fino al supporto per il fitness. Microsoft ha annunciato l’intento di ampliare ulteriormente questa offerta con nuovi GPTs focalizzati su compiti specifici, arricchendo così l’esperienza utente di Copilot con competenze e conoscenze mirate.

Gli abbonati alla versione Pro di Copilot, di recente lancio e disponibile in Italia al costo di 22 euro al mese, hanno la possibilità di creare e modulare i propri GPTs. Questo processo, ispirato al GPT Store di OpenAI, inizia con la formulazione di una domanda specifica a Copilot, per poi evolversi attraverso il caricamento di dati e ulteriori step. In aggiunta, Microsoft ha confermato il proprio impegno a mantenere l’accesso al modello GPT-4 Turbo nella versione gratuita di Copilot, limitatamente ai periodi di minore affluenza, assicurando così un servizio continuativo anche senza sottoscrizione.