Questo smartwatch sarà il primo al mondo in grado di rilevare l’apnea notturna

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it smartwatch

L’apnea notturna si manifesta con una serie di sintomi preoccupanti tra cui difficoltà di memoria, problemi di concentrazione, irritabilità e una pronunciata sonnolenza durante il giorno. Questa condizione, nonostante la sua prevalenza, rimane largamente sconosciuta ai più, con stime che suggeriscono come il 70% delle persone affette non sia consapevole del proprio disturbo. La diagnosi dell’apnea notturna richiede attualmente l’impiego di dispositivi medici specifici, inclusi sensori e maschere da indossare durante il sonno per monitorare la condizione.

La svolta potrebbe tuttavia essere all’orizzonte, grazie all’introduzione di tecnologie wearable avanzate. Samsung ha recentemente fatto notizia annunciando di aver ottenuto due certificazioni mediche cruciali per il suo imminente Galaxy Watch 7, previsto per la fine dell’anno. Queste approvazioni, concesse dalle autorità sanitarie statunitensi e sudcoreane, attestano la capacità dell’orologio di rilevare l’apnea notturna, segnando un primato per gli orologi connessi nel campo della salute.

Competizione e certificazioni

Nonostante tentativi simili da parte di altri produttori, come la francese Withings con il suo ScanWatch, Samsung si distingue come pioniere avendo superato gli ostacoli alla certificazione medica che altri hanno incontrato. Dispositivi come il Huawei Watch GT4 e accessori specifici come il Withings Sleep Analyser hanno mostrato capacità di rilevamento di disturbi respiratori, ma è il Galaxy Watch 7 a fare la differenza con il suo sensore innovativo. Quest’ultimo, collocato sotto la cassa, analizza le irregolarità nei livelli di ossigeno nel sangue per fornire indicazioni utili e stimolare la consultazione di uno specialista.

Per beneficiare di questa funzione, gli utenti dovranno avere più di 22 anni e utilizzare l’orologio per un periodo di dieci giorni durante il sonno. Sebbene Samsung abbia ottenuto l’approvazione in mercati chiave come gli Stati Uniti e la Corea del Sud, resta in attesa di analoghe convalide dalle autorità sanitarie europee per estendere la disponibilità di questa funzione rivoluzionaria.