Nuova scoperta su Giove dal telescopio Webb: caratteristiche mai viste prima

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Giove telescopio Webb

La NASA ha recentemente rivolto la sua attenzione verso i segreti celati nell’atmosfera di Giove, grazie alle straordinarie rivelazioni fornite dal telescopio spaziale James Webb. Sorprendendo gli esperti, Webb ha individuato una corrente a getto straordinariamente veloce al di sopra dell’equatore di Giove, situata oltre i suoi massicci strati nuvolosi. La dimensione di questa corrente, estesa per oltre 4800 chilometri, fornisce nuove e significative informazioni sulle interazioni all’interno della turbolenta atmosfera giovanile.

La scoperta effettuata dal James Webb non è soltanto una novità, ma rappresenta una svolta per la NASA, confermando il telescopio come strumento essenziale nell’esplorazione spaziale. Rispetto alle immagini precedenti, che mostravano l’atmosfera del pianeta come foschie indistinte, Webb ha permesso di osservare con chiarezza cristallina caratteristiche specifiche, seguendole in sincronia con la veloce rotazione di Giove.

La corrente a getto, che viaggia a una velocità approssimativa di 515 km/h – paragonabile al doppio della potenza dei più temibili uragani terrestri – apre adesso la via all’analisi di un vasto insieme di dati. Questi saranno confrontati con le osservazioni fatte da Hubble sui venti negli strati atmosferici più profondi, permettendo una comprensione più completa e multidimensionale.

Un nuovo sguardo su Giove

Il telescopio Webb, con le sue osservazioni nel vicino e medio infrarosso, si dimostra eccezionalmente sensibile agli strati atmosferici superiori, rivoluzionando il nostro punto di vista su Giove. Utilizzando i dati della NIRCam, raccolti nel luglio 2022, i ricercatori hanno potuto approfondire la visione delle dinamiche atmosferiche del pianeta. Questi dati, parte del programma Early Release Science, sono stati ottenuti grazie a immagini scattate a intervalli di 10 ore, equivalenti a un giorno su Giove, utilizzando diversi filtri per catturare cambiamenti minuti a varie altitudini.

In parallelo, anche il telescopio spaziale Hubble è stato impiegato per osservare le tempeste equatoriali di Giove, fornendo una visione ancora più dettagliata e tridimensionale delle formazioni nuvolose. I risultati ottenuti con Hubble e Webb, lavorando congiuntamente, offrono una prospettiva senza precedenti sulle tempeste e sui sistemi di venti del pianeta.

Pur nella loro complessità, i fenomeni meteorologici su Giove presentano pattern prevedibili. Gli specialisti prevedono che importanti cambiamenti possano verificarsi nei prossimi 2-4 anni, rendendo essenziale la continuazione delle osservazioni dettagliate. L’attenzione è ora rivolta a come la velocità e l’altitudine della corrente a getto possano variare nel tempo, dati che solo futuri studi potranno chiarire.