La misteriosa sfera d’oro simile a un uovo trovata sul fondo dell’oceano che ha lasciato di stucco gli scienziati

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Uovo sfera d'oro NOAA

Un misterioso oggetto dorato è stato scoperto nelle profondità del mare da una squadra di esploratori del NOAA, che il 30 agosto 2023 ha visitato un vulcano spento a 400 km dalla costa dell’Alaska meridionale. Mentre filmavano il fondo del Golfo dell’Alaska, gli esploratori hanno notato qualcosa di strano: una sfera lucente, simile a un uovo, con un buco enigmatico.

Gli esperti sono rimasti incuriositi da questo oggetto, che si trovava a circa 3 km di profondità, e si sono chiesti cosa fosse. Durante la trasmissione in diretta, uno dei ricercatori ha detto:

Sembra che qualcosa abbia provato a entrare… o a uscire.

Un mistero degno di X-Files

Il team ha quindi deciso di prelevare un campione dell’oggetto dorato per analizzarne il DNA. Hanno proceduto con molta attenzione, perché l’oggetto era sorprendentemente morbido al tatto. Uno dei membri del team ha espresso la sua apprensione, dicendo:

Speriamo di non trovare sorprese all’interno. Sembra l’inizio di un film dell’orrore.

Per prelevare il campione, hanno usato un braccio robotico per toccare delicatamente l’oggetto, che si è dimostrato sensibile, come una pelle. Poi hanno aspirato l’oggetto in un tubo e lo hanno portato in laboratorio per altre analisi.

Questa incredibile scoperta ha scatenato una vivace discussione tra i membri del team, che hanno fatto battute su possibili somiglianze con creature da film o con scenari da X-Files. Il team ha formulato diverse ipotesi sull’origine dell’oggetto, pensando che potesse essere il guscio di un uovo o i resti di una spugna di mare. Uno dei membri del team ha pensato:

Quando non sappiamo cosa sia, è probabile che sia qualcosa di molto insolito. Ma che tipo di animale potrebbe fare un uovo così?

Questa eccezionale scoperta è stata fatta durante la spedizione Seascape Alaska 5, che ha coinvolto il team nella registrazione di video di aree mai esplorate prima dall’uomo, alcune delle quali raggiungono profondità di quasi 6 chilometri.