Il vicino esopianeta LHS 1140b: un mondo acquatico candidato alla vita extraterrestre

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it esopianeta

Il misterioso esopianeta LHS 1140b, che orbita intorno a una stella nana nella costellazione della Balena, distante circa 50 anni luce dalla Terra, potrebbe nascondere segreti inaspettati. Secondo una recente pubblicazione sulla prestigiosa rivista The Astrophysical Journal Letters, questo mondo distante offre un potenziale habitat favorevole alla vita. Scoperto nel 2017, LHS 1140b ha suscitato l’interesse della comunità scientifica, grazie alle sue caratteristiche uniche. Inizialmente creduto essere un pianeta roccioso, le ultime analisi indicano che LHS 1140b potrebbe essere molto meno denso di quanto si pensasse, suggerendo la presenza di grandi quantità d’acqua o di un’atmosfera estesa ricca di elementi leggeri, come idrogeno ed elio.

Il ruolo del Telescopio Spaziale James Webb, in questo contesto, diventa fondamentale. Potrebbe rivelare la vera natura di LHS 1140b, determinando se si tratta effettivamente di un mondo acquatico. Charles Cadieux, astronomo dell’Università di Montreal e autore principale dello studio, sottolinea l’importanza di questa scoperta. Se LHS 1140b dovesse rivelarsi un pianeta ricco d’acqua, diventerebbe immediatamente una priorità nella ricerca di vita extraterrestre, specialmente per la sua posizione nella zona abitabile della sua stella.

La scoperta di esopianeti ha sempre affascinato gli astronomi. Dal primo rilevamento nel 1992, più di 5.500 esopianeti sono stati confermati nella galassia della Via Lattea. Tuttavia, pochi di questi si sono dimostrati potenzialmente abitabili. Per lungo tempo, il sistema TRAPPIST-1 è stato considerato il candidato più promettente per la vita extrasolare, ospitando sette esopianeti delle dimensioni della Terra. Ma le recenti osservazioni del Telescopio Webb hanno suggerito che questi pianeti potrebbero essere privi di vita, a causa dell’attività eccessiva della loro stella.

LHS 1140: un sistema meno attivo e più promettente

A differenza di TRAPPIST-1, la stella LHS 1140 è meno attiva, offrendo condizioni più favorevoli alla vita. LHS 1140, con una dimensione e una massa pari a circa il 20% del nostro Sole, crea una zona abitabile molto vicino alla sua superficie. LHS 1140b, pertanto, nonostante la sua vicinanza alla stella, potrebbe avere temperature più fredde rispetto alla Terra. Cadieux considera LHS 1140 il secondo sistema più interessante dopo TRAPPIST-1 per la ricerca di vita extraterrestre.

La ricerca futura con il James Webb potrebbe fornire risposte decisive sulle caratteristiche atmosferiche di LHS 1140b e sulla presenza di acqua. Una conferma dell’esistenza di acqua liquida su questo pianeta rappresenterebbe un passo rivoluzionario nella ricerca di vita oltre il nostro Sistema Solare.