L’IA generativa raggiunge anche Google Maps: le novità in arrivo

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Google Maps con IA

Google Maps si appresta a introdurre una novità che promette di rivoluzionare l’esperienza degli utenti grazie all’uso dell’intelligenza artificiale generativa. Questa tecnologia all’avanguardia si propone di facilitare la scoperta di luoghi interessanti, rendendo l’app ancora più intuitiva e personalizzata.

La base di questa innovazione è costituita dai modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM), che sono stati addestrati per elaborare in modo dettagliato le informazioni riguardanti oltre 250 milioni di luoghi catalogati in Maps. Grazie a questa tecnologia, Google Maps sarà in grado di interpretare le domande formulate dagli utenti in linguaggio naturale e di offrire risposte su misura, attingendo anche alle conoscenze condivise dalla sua estesa community.

Cosa cambierà

Per esemplificare, se un utente esprime il desiderio di scoprire “luoghi con un’atmosfera romantica in città”, l’intelligenza artificiale si avvarrà dei dati disponibili – quali attività commerciali, fotografie, recensioni e punteggi – per fornire suggerimenti pertinenti alla richiesta. Questo rappresenta un salto qualitativo per Maps, che ambisce a evolversi da semplice strumento di navigazione a compagno virtuale capace di rivelare nuovi interessi e destinazioni.

La sperimentazione di questa funzionalità sarà inizialmente circoscritta agli Stati Uniti e coinvolgerà un numero limitato di membri della community Local Guides. Questi collaboratori, già attivi nel fornire recensioni, immagini e correzioni, saranno i primi a testare le nuove capacità di IA generativa, contribuendo con i loro feedback per rifinire la tecnologia e garantirne un’applicazione responsabile prima di estenderla a tutti gli utenti di Google Maps.

Ancora oggetto di valutazione è se le risposte generate dall’intelligenza artificiale si distingueranno in modo significativo dai risultati di ricerca tradizionali. L’intento, tuttavia, è quello di rendere l’interazione con l’app più fluida e naturale, in linea con le potenzialità offerte dalle recenti tecnologie di assistenza basate su IA generativa. Affrontare le sfide poste dalle limitazioni e dagli errori dell’intelligenza artificiale sarà cruciale per il team di sviluppo, che prevede un lancio graduale per mitigare eventuali rischi di consigli inesatti o fuorvianti.