Rivoluzione nella fisica: la prima volta il MIT intrappola gli elettroni in un cristallo 3D

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it elettroni in un cristallo 3D

Immaginate di catturare un raggio di luce in una sfera di cristallo. Qualcosa di simile è successo nel mondo della fisica, grazie ai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Gli scienziati hanno intrappolato gli elettroni, le minuscole particelle che viaggiano intorno al nucleo di un atomo, in un cristallo tridimensionale. Questo non è solo un gioco di prestigio scientifico, ma un passo avanti enorme, perché potrebbe rivoluzionare il modo in cui facciamo funzionare tutto, dall’energia ai computer, fino ai dispositivi elettronici che usiamo ogni giorno.

In questo cristallo speciale, gli elettroni non si comportano come al solito. Invece di muoversi liberamente e a velocità diverse, si muovono tutti insieme, allo stesso ritmo. È come se danzassero al suono di una stessa musica. Questa sincronia apre nuove strade nell’esplorazione di materiali che conducono elettricità senza resistenza (supraconduttori) e altre meraviglie del mondo quantico.

Un cristallo unico

Il team del MIT, guidato da Joseph Checkelsky, si è ispirato a un’antica tecnica giapponese di intreccio dei cestini, chiamata “kagome“, per creare questo cristallo unico. Hanno fuso insieme elementi come il calcio e il nichel, lasciando poi che si raffreddassero e si organizzassero in una struttura che imprigiona gli elettroni in questo stato “piatto”. È un po’ come costruire un labirinto in cui gli elettroni si trovano tutti nella stessa stanza, anziché disperdersi in corridoi differenti.

Convertire questo cristallo in un supraconduttore è stato il prossimo passo. I ricercatori hanno semplicemente sostituito il nichel con altri elementi, come il rodio e il rutenio. Questo ha trasformato la “danza” degli elettroni in modo tale che potessero muoversi senza ostacoli, creando le condizioni ideali per la supraconduttività.

Questa nuova conoscenza non è solo affascinante, ma ha un impatto reale. Potrebbe portare a dispositivi elettronici più piccoli, veloci ed efficienti, e a computer quantistici più potenti. I computer quantistici, diversi dai computer tradizionali, lavorano con le particelle a livello quantico, rendendo i calcoli molto più rapidi e complessi.

Anche se questa scoperta è entusiasmante, ci sono ancora molte sfide tecniche da superare. Misurare con precisione come si comportano gli elettroni in questi nuovi materiali richiede strumenti molto sofisticati e metodi innovativi. Ma i ricercatori sono fiduciosi che, con ulteriori studi, potranno sfruttare appieno le possibilità offerte da questi straordinari materiali.