Pioniere dell’Intelligenza Artificiale prevede un possibile dominio sull’umanità

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Intelligenza Artificiale

Geoffrey Hinton, figura di spicco nel campo dell’intelligenza artificiale, ha recentemente condiviso le sue inquietudini riguardo le potenziali minacce che l’evoluzione dell’IA potrebbe comportare per l’umanità. Secondo il suo punto di vista, potremmo assistere a un futuro in cui l’IA, progredendo incontrollatamente, potrebbe relegare l’essere umano al ruolo di “seconda intelligenza” sul pianeta.

Al momento, la traiettoria di sviluppo dell’intelligenza artificiale è tale da aspirare a eguagliare e, eventualmente, superare le capacità cognitive umane. I progressi in questo ambito potrebbero portare le macchine a un punto di auto-evoluzione tale da sovrastare le nostre facoltà mentali. Irving John Good, noto matematico, teorizzava già nel 1965 che una “macchina ultra-intelligente” avrebbe innescato un’esplosione di intelligenza, superando qualsiasi competenza umana e dando vita a una successione di macchine sempre più avanzate.

Gli esperti sostengono che siamo prossimi a raggiungere il “punto di singolarità tecnologica”, ovvero quando l’IA eguaglierà o sorpasserà l’intelligenza umana. Tale fenomeno potrebbe verificarsi con una probabilità del 50% entro il 2045. Questa realtà rappresenterebbe l’ultima invenzione significativa dell’uomo, a condizione che si riesca ad essere in grado di mantenere il controllo su di essa. Tuttavia, è l’incertezza su questa capacità di controllo che desta preoccupazione in personalità come Hinton.

L’apprendimento superiore dell’IA: una corsa verso l’incognita

Contrariamente agli esseri umani, i sistemi di intelligenza artificiale affinano le loro competenze attraverso un processo di tentativi ed errori, migliorando continuamente le loro prestazioni. A differenza del nostro cervello, che conta 10.000 miliardi di sinapsi per centimetro cubo, i sistemi di IA attuali hanno solo 1.000 miliardi di connessioni neurali, ma mostrano una capacità di assimilazione di nuove informazioni nettamente superiore.

Hinton mette in evidenza come l’IA possieda un sistema di acquisizione della conoscenza notevolmente più efficiente, sebbene non completamente compreso. Questa efficacia, unita alla crescente complessità dei sistemi, rende sempre più arduo il loro controllo, come spiega lo stesso esperto:

Comprendiamo l’essenza dei meccanismi di apprendimento di questi sistemi. Tuttavia, quando raggiungono livelli elevati di complessità, la loro esatta natura di funzionamento sfugge alla nostra comprensione, proprio come i misteri del cervello umano.

Hinton rivela che la creazione dell’IA a cui ha contribuito fu in realtà un risultato inaspettato, poiché il suo obiettivo originario era comprendere il cervello umano. La rapidità dell’evoluzione tecnologica e la sua applicazione in numerosi settori erano impreviste.

Gli impatti nefasti dell’IA

Uno dei pericoli imminenti è rappresentato dalla capacità delle IA di generare codice auto-modificabile, rendendole potenzialmente inarrestabili e in grado di prendere decisioni autonome, anche dannose, come specifica Hinton:

È un elemento che richiede una seria considerazione. La loro capacità di manipolazione potrebbe rivelarsi un rischio, specialmente se alimentate da una vasta gamma di informazioni, incluse quelle etiche e emotive.

Inoltre, l’uso inappropriato dell’IA da parte degli esseri umani amplifica i rischi, spaziando dall’armamento alla diffusione di false informazioni. Hinton e altri esperti confrontano l’umanità a “bambini che giocano con una bomba”, evidenziando la pericolosità dell’abissale divario tra la potenza di questa “giocattolo” e la maturità umana nel gestirlo.