iPhone 15 Pro Max: segnalati gravi problemi al display

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Apple iPhone 15 Pro Max

Mentre Apple attraversa una fase delicata successiva al lancio della sua innovativa serie iPhone 15 Pro, diversi problemi emergono mettendo alla prova la compagnia. Da surriscaldamenti inaspettati a un fastidioso “battery-drain” causato da un bug, ora spuntano segnalazioni riguardanti il fenomeno del “burn-in” su alcuni schermi OLED, ovvero alla formazione di un’immagine residua permanente su sfondo leggermente sfocato.

Sebbene Apple adotti pannelli OLED sin dall’iPhone X lanciato nel 2017, è raro che un problema del genere colpisca uno dei suoi modelli di punta, e ancor più sorprendente è che ciò avvenga poco dopo il suo rilascio. Lanciato ufficialmente a metà settembre, l’iPhone 15 Pro Max è nelle mani degli utenti da poche settimane. Tuttavia, molti hanno già notato il “burn-in”, condividendo le loro esperienze su forum e piattaforme come Reddit.

Interventi e soluzioni: la risposta di Apple di fronte ai crescenti report di “burn-in”

A dominare l’attenzione sono soprattutto le icone della schermata home o la tastiera. Degno di nota, gli iPhone 14 e l’intera serie iPhone 15 dispongono di un’opzione “always-on” per il display, che gli utenti possono disattivare. Un partecipante del forum MacRumors ha mostrato una foto del suo telefono, rivelando l’insorgenza del “burn-in” dopo soli 14 giorni, pur usando la modalità “always-on” con un timer di 2 minuti per lo spegnimento in caso di non utilizzo. Al Genius Bar di Apple, un tecnico ha identificato il difetto come “ghosting“, ma ha rivelato che, data la novità del modello, non sono disponibili parti di ricambio, proponendo quindi la sostituzione dell’intero dispositivo.

Un utente su Reddit ha riscontrato lo stesso problema, pur utilizzando il telefono in modo convenzionale. Sorprendentemente, ha notato la persistenza della miniatura di un logo YouTube, un evento abbastanza inedito. Altri utenti hanno confermato simili episodi sui loro dispositivi. Apple ha prontamente risposto offrendo la sostituzione di ogni unità problematica. Benché la portata esatta del difetto rimanga incerta, il numero di segnalazioni finora raccolte (meno di dieci) non ha suscitato eccessive preoccupazioni.