Il segreto magnetico del Sole: scoperta rivoluzionaria scuote le teorie astronomiche”

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Buco coronale Sole

Gli astrofisici hanno individuato l’origine del campo magnetico del Sole molto più vicina alla superficie rispetto a quanto si pensasse in precedenza. Questa scoperta potrebbe modificare la nostra comprensione dell’attività solare e migliorare le previsioni delle tempeste solari potenzialmente distruttive, le più potenti delle quali potrebbero essere così forti da mettere fuori uso le reti elettriche e persino l’intera internet.

Per decenni, gli astronomi hanno creduto che il campo magnetico del Sole fosse generato nel profondo del suo nucleo. Questo è certamente il modo in cui funziona il campo magnetico terrestre, prodotto dal movimento del ferro fuso all’interno del nucleo del nostro pianeta, come una dinamo planetaria. Tuttavia, recenti simulazioni suggeriscono che il campo magnetico del Sole derivi dalle instabilità nel plasma degli strati esterni del Sole.

Nuove scoperte dalla simulazione del plasma

Il Sole, essenzialmente una gigantesca sfera di plasma, possiede un campo magnetico dinamico creato dal movimento vorticoso degli ioni carichi. La superficie del Sole, conosciuta come zona convettiva, si estende dallo strato più esterno fino a circa 200.000 chilometri di profondità. Il raggio del Sole è di 696.000 chilometri. Gli scienziati pensavano che l’effetto dinamo, situato in profondità in questa zona, fosse responsabile del magnetismo solare. Ma il nuovo studio sfida questa visione.

I ricercatori del MIT e della Northwestern University hanno sviluppato un modello computerizzato sofisticato utilizzando dati dall’elioseismologia, che osserva le vibrazioni sulla superficie del Sole per determinare la struttura e il flusso medio del plasma nella zona convettiva. I loro risultati hanno mostrato che il campo magnetico corrisponde maggiormente al comportamento del plasma negli strati più esterni del Sole, specificamente nel 5% – 10% superiore della superficie.

Le implicazioni di questa scoperta sono significative. Se confermata, potrebbe portare a previsioni migliori delle tempeste solari, note per causare interruzioni di corrente, disturbi nelle comunicazioni e danni ai satelliti. Keaton Burns, ricercatore del MIT, ha dichiarato:

Questo risultato potrebbe essere controverso. La maggior parte della comunità si è concentrata sulla ricerca dell’azione dinamo nel profondo del Sole. Ora stiamo mostrando che c’è un meccanismo diverso che sembra essere una corrispondenza migliore con le osservazioni.

Le macchie solari, che appaiono come punti scuri sulla superficie del Sole, sono legate a questi campi magnetici e rappresentano i punti di partenza per i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale (CME). Questi eventi rilasciano enormi quantità di energia e particelle cariche nello spazio. Quando dirette verso la Terra, possono innescare tempeste geomagnetiche che influenzano la nostra tecnologia. D’altro canto, producono anche spettacolari aurore. La recente tempesta solare, che ha causato aurore fino a sud della Pennsylvania, Iowa e Oregon negli Stati Uniti, o in Germania in Europa, ricorda questa minaccia costante, sebbene nascosta in un affascinante spettacolo di luci.