L’asteroide 2007 EG, grande quanto un jumbo jet, sfreccerà sulla Terra domani

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it asteroide 2007 EG

Domani, 30 gennaio 2024, un evento astronomico di rilievo catturerà l’attenzione degli esperti e degli appassionati: l’asteroide 2007 EG, avente un diametro compreso tra 30 e 72 metri, transiterà vicino al nostro pianeta. Questo corpo celeste si muoverà a una velocità di 8,58 chilometri al secondo e si avvicinerà fino a una distanza di circa 48,21.972 chilometri dalla Terra, equivalente a meno di 13 volte la distanza che separa la Terra dalla Luna.

La maggior parte degli asteroidi nel Sistema Solare si trova all’interno della fascia principale, sita tra Marte e Giove. Tuttavia, esistono diverse categorie di asteroidi che seguono orbite peculiari. Tra queste, gli asteroidi Arjuna si distinguono per le loro orbite simili a quella della Terra. Inoltre, gli asteroidi Aten e Apollo presentano orbite che intersecano quella terrestre, ma differiscono per le dimensioni: gli Aten hanno orbite più piccole, mentre gli Apollo hanno orbite più grandi rispetto a quella della Terra. L’asteroide 2007 EG è classificato come un membro della famiglia degli asteroidi Aten.

Gli asteroidi Atens, tra cui il 2007 EG, sono noti per i loro frequenti passaggi vicino alla Terra e Venere, mentre gli asteroidi Apollo tendono ad avvicinarsi sia alla Terra che a Marte. Il 2007 EG, in particolare, ha già avuto un incontro ravvicinato con la Terra nel 2022 e ci visiterà nuovamente nel 2027. Durante il prossimo sorvolo, l’asteroide passerà senza rappresentare alcun pericolo per il nostro pianeta e i suoi abitanti.

Potenziali impatti catastrofici di asteroidi simili al 2007 EG

Circa ogni 550 anni, un asteroide delle dimensioni e della velocità simili a quelle del 2007 EG potrebbe impattare con la Terra. Un tale evento genererebbe un cratere largo circa 200 metri e profondo 45 metri, liberando un’energia equivalente a quattro megatoni di TNT, superando l’esplosione di Tunguska. Questo impatto catastrofico potrebbe causare la morte di circa 700.000 persone a seguito dell’onda d’urto, del vento, e della distruzione degli edifici entro un raggio di 10 chilometri.

La NASA sta lavorando allo sviluppo di tecnologie capaci di deviare asteroidi per prevenire impatti così devastanti. Attualmente, la tempistica per realizzare una missione di questo tipo varia tra i cinque e i dieci anni. Prevedere con anticipo un possibile impatto riduce notevolmente l’energia necessaria per modificare la traiettoria dell’asteroide. Pertanto, il monitoraggio degli asteroidi è fondamentale per identificarne la posizione attuale e prevedere la loro orbita futura.