Questa bizzarra teoria quantistica potrebbe finalmente spiegare come ha avuto origine il nostro Universo

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it teoria quantistica

L’universo è un libro aperto scritto in un linguaggio misterioso, che orchestra dall’invisibile danza delle particelle atomiche fino alla grandiosa formazione delle galassie. Questo linguaggio nascosto potrebbe anche essere la chiave per svelare i segreti della materia oscura, quel misterioso ingrediente che rappresenta la maggior parte della massa dell’universo.

Considerate per un momento il fenomeno per cui due magneti si attraggono senza alcun contatto fisico. Questo enigma si spiega attraverso l’esistenza di un campo magnetico, un pilastro fondamentale per la nostra comprensione dell’universo circostante. Tuttavia, avventurandosi nel dominio della teoria quantistica dei campi, si scopre che questo è solo l’inizio. Chi si addentra nel complesso dedalo di equazioni e calcoli della teoria quantistica dei campi si trova di fronte a una rivelazione sorprendente: tutte le forze e la materia che conosciamo sono il risultato del movimento incessante dei campi quantistici.

Quantum e relatività

Per comprendere come tali astrazioni possano esistere nella realtà, dobbiamo fare un salto indietro ai primi del Novecento, quando i fisici tentarono di unire le due teorie più rivoluzionarie della scienza: la meccanica quantistica, che esplora l’universo su scala infinitesimale, e la teoria della relatività, che descrive l’universo su scala cosmica. Questo tentativo sollevò immediatamente numerosi paradossi, tra cui quello di conciliare l’equazione di Einstein E=mc² con i fondamenti della fisica quantistica. La meccanica quantistica, con i suoi principi probabilistici, sembra vietare che un elettrone si divida in più elettroni, mantenendo la cosiddetta unitarietà, secondo cui la somma delle probabilità di tutti i possibili stati di una particella deve essere sempre uguale a 100%.

Eppure, la teoria della relatività speciale suggerisce che la materia può trasformarsi in energia e viceversa, implicando che, con energia sufficiente, un elettrone potrebbe teoricamente dividersi in più particelle. Come risolvere questo apparente conflitto?

La soluzione risiede nell’idea che l’elettrone sia concepibile come un campo capace di oscillare in diverse frequenze, similmente alle corde di una chitarra, con ogni vibrazione che corrisponde alla nascita di un nuovo elettrone. Questa comprensione ci porta a esplorare le origini stesse dell’universo e la formazione della materia che lo popola.

La nascita dell’Universo

L’universo, nei suoi istanti iniziali, ha vissuto un’espansione accelerata grazie a un fenomeno noto come inflazione cosmica, che ha trasformato l’universo da una realtà microscopica a quella vasta che osserviamo oggi. Questo processo è spiegabile tramite la teoria quantistica dei campi, con le fluttuazioni quantistiche in un enigmatico “campo di inflazione” che hanno innescato la formazione di galassie, stelle e la struttura dello spaziotempo stesso.

L’universo primordiale, ricco di energia potenziale, è stato scosso da fluttuazioni quantistiche di vasta portata, paragonabili a una brezza che increspa la superficie di uno stagno. Queste hanno viaggiato attraverso l’universo, seminando i germi della struttura cosmica che oggi conosciamo. Grazie a calcoli sofisticati e al contributo della teoria della gravità di Einstein, gli scienziati hanno iniziato a decifrare l’interazione tra i campi quantistici e la crescita dell’universo, illuminando le origini del cosmo e il ruolo del campo di inflazione come suo architetto silenzioso.

Oggi, la mano invisibile del campo di inflazione si manifesta nella miriade di strutture cosmiche che costellano l’universo, dalla nostra galassia al sistema solare e al pianeta Terra. Le meraviglie che ammiriamo nel cielo notturno sono il risultato diretto delle fluttuazioni quantistiche che hanno vibrato all’interno del campo di inflazione, una prova tangibile del successo e dell’importanza fondamentale della teoria quantistica dei campi nella nostra comprensione dell’universo.