Lo storico selfie cinese di Chang’e-6 dal lato nascosto della Luna, scattato con l’intelligenza artificiale

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it selfie cinese di Chang’e-6 lato nascosto della Luna

Il “fotografo” responsabile dell’immagine storica del lander della missione Chang’e-6 e della bandiera nazionale cinese sulla superficie del lato oscuro della luna era un mini-rover di 5 kg (11 libbre) dotato di software di intelligenza artificiale.

Secondo il quotidiano statale China Space Daily, il rover a quattro ruote è stato rilasciato dal lato del lander dopo il completamento della raccolta dei campioni, avvenuta lunedì. Questo mini-rover si è mosso autonomamente sulla superficie lunare per trovare l’angolazione “migliore” per scattare la foto.

Il rover, noto anche come mini-robot autonomo intelligente, ha regolato la composizione dell’immagine prima di catturare viste in terza persona della combinazione lander-ascender e inviarle automaticamente sulla Terra, come riportato dal giornale.

Innovazioni nella tecnologia spaziale cinese

Le tracce del rover, sviluppato dalla China Academy of Space Technology (CAST), possono essere identificate sotto la luce del sole mattutino nell’immagine rilasciata, insieme al lander, ai suoi pannelli solari e al braccio robotico, con il veicolo di ascensione seduto sulla sua cima.

Questo mini-robot è molto più piccolo dei suoi predecessori, Yutu-1 e Yutu-2, ciascuno dei quali pesava quanto due adulti. Tuttavia, vanta “capacità autonome avanzate e hardware altamente integrato e leggero, che testimoniano i progressi del team nell’intelligenza artificiale”, secondo il rapporto.

Quentin Parker, astrofisico dell’Università di Hong Kong, ha dichiarato che se il rover fosse autonomo e prendesse decisioni basate sui dati delle telecamere, sarebbe il primo utilizzo dell’IA su un rover lunare. Tuttavia, ha notato che altri sistemi su vari veicoli Chang’e e recenti sonde lunari di altri paesi potrebbero aver utilizzato l’IA.

Il mini-rover era principalmente incaricato di scattare selfie e validare tecnologie intelligenti autonome, cruciali per il futuro dell’esplorazione spaziale cinese. La Cina sta sviluppando sonde lunari più grandi e complesse per le sue missioni Chang’e-7 e 8, con l’intenzione di costruire una base lunare entro il 2028.

L’importanza strategica del mini-rover

Jonathan McDowell, astronomo di Harvard, ha commentato che il termine IA nel contesto delle immagini Chang’e-6 è “piuttosto insignificante”. Tuttavia, ha riconosciuto che dimostra le capacità del team di software CAST e la capacità di programmare attività complesse in una navicella spaziale molto piccola.

Il China Space Daily non ha rivelato quanti selfie siano stati scattati dal mini-rover, e non è chiaro se il veicolo sia sopravvissuto per fotografare o filmare il decollo del veicolo di ascensione con i campioni raccolti a bordo. Il rover non era equipaggiato con dispositivi di controllo termico e avrebbe dovuto affrontare le temperature estremamente elevate della superficie lunare.

La missione Chang’e-6, della durata di 53 giorni, è la prima a recuperare rocce dal lato oscuro della luna, che è costantemente rivolto lontano da noi a causa della rotazione sincrona della luna. Tutti i campioni precedenti, raccolti da missioni robotiche o con equipaggio dagli Stati Uniti, dall’Unione Sovietica e dalla Cina, provengono dal lato vicino.

Chang’e-6 è decollata dal porto spaziale di Wenchang nell’isola di Hainan, nel sud della Cina, il 3 maggio ed è prevista per atterrare nella regione autonoma settentrionale della Mongolia Interna intorno al 25 giugno. Attualmente, la navicella sta orbitando intorno alla luna con il suo prezioso carico a bordo e sta aspettando il momento migliore per iniziare il suo viaggio di ritorno verso la Terra.