Le immagini del Sole che non hai mai visto prima

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Sole foto Mark Johnston

L’astrofotografo Mark Johnston ha catturato immagini incredibilmente dettagliate del sole dal suo giardino a Scottsdale, in Arizona. Con l’avvicinarsi del massimo solare, il picco dell’attività solare durante il ciclo solare di circa 11 anni, il sole si è mostrato tutt’altro che tranquillo. Ha generato enormi macchie solari, scatenato potenti brillamenti solari ed espulsioni di massa coronale (CME), oltre a provocare impressionanti aurore diffuse.

Il comportamento turbolento del sole attira l’attenzione degli astrofotografi come Johnston, perché non si sa mai cosa si può osservare. Johnston ha catturato le seguenti immagini il 2 luglio 2024, mostrando la cromosfera altamente dettagliata con prominenze solari in eruzione e filamenti:

Mi piace fotografare il sole perché è l’unico oggetto in astronomia che è diverso ogni volta che lo guardi. La ricchezza dei dettagli è affascinante: prominenze solari, regioni attive, macchie solari, filamenti e spicole cambiano di giorno in giorno.

Nella prima immagine ravvicinata, si può vedere una coppia prominente di macchie solari insieme ad archi luminosi di plasma noti come filamenti che si sono sollevati dalla superficie:

La grande “tenda” quadrata scura di plasma in basso a destra del centro è abbastanza grande da coprire 25 Terre. Nella seconda immagine, si può vedere una fila di prominenze solari che sembrano marciare attraverso la superficie del sole. Sulla superficie, piccole spicole piumate vanno e vengono in pochi minuti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mark Johnston (@azastroguy)

Le spicole solari: eruzioni veloci e spettacolari

Queste spicole hanno un’abbondanza simile all’erba, conferendo alla superficie solare un aspetto piuttosto ‘sfocato’. Le spicole possono raggiungere lunghezze di 9.600 chilometri prima di collassare, eruttando getti di materiale solare alla velocità di 96 km al secondo, secondo la NASA.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mark Johnston (@azastroguy)

Nella terza immagine di Johnston, una grande prominenza si inarca attraverso il sole. Una prominenza solare è nota anche come filamento quando vista contro il disco solare (come visto nella prima immagine). Sono ancorate alla fotosfera del sole e si estendono verso la corona, l’atmosfera esterna del sole. Il materiale che vediamo è plasma, un gas caldo composto da idrogeno ed elio elettricamente carichi, secondo la NASA, come sottolineato da Johnston:

Milioni di tonnellate di plasma si sono staccate dal sole e fluttuano sopra la superficie.

Johnston ha utilizzato un telescopio rifrattore modificato all’idrogeno alfa da 160 mm e una fotocamera monocromatica ad alta velocità per catturare 2000 fotogrammi da 10 millisecondi per ciascuna immagine. Successivamente, in post-produzione, i migliori 200 fotogrammi di ciascuna scena sono stati combinati per creare un’unica immagine. Sono state applicate ulteriori tecniche di miglioramento e affinamento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mark Johnston (@azastroguy)