Il tempo non esiste, secondo la fisica moderna

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it il tempo non esiste

Il tempo è davvero ciò che crediamo? Matyáš Moravec, dell’University of St Andrews, ci sfida a ripensare una delle nostre certezze più radicate: il concetto stesso di tempo. Moravec esplora la provocatoria teoria secondo cui il tempo potrebbe non essere altro che un’illusione. Questa idea trova sostegno nella teoria della relatività di Einstein, che descrive l’universo come un blocco statico quadridimensionale dove spazio e tempo esistono simultaneamente, annullando il concetto di un presente distinto.

La visione del tempo come una dimensione fissa e immutabile si scontra con la percezione comune del tempo che scorre dal passato al futuro, una visione supportata da altre aree della fisica, come la meccanica quantistica. Questa discrepanza solleva una questione fondamentale: il tempo è realmente un’illusione?

La logica di McTaggart e l’illusione temporale

Nel 1908, il filosofo J.M.E. McTaggart propose che la non-realtà del tempo potesse essere dimostrata usando solo il ragionamento logico. Immaginando di dover ordinare una serie di carte, ognuna rappresentante un evento storico o futuro, si possono utilizzare due metodi per tentare di rappresentare il tempo.

Serie-B: Ordine Senza Cambiamento

La serie-B organizza gli eventi in una sequenza basata su relazioni di anteriorità e posteriorità. Questo metodo, però, non incorpora il cambiamento, elemento che McTaggart e la fisica considerano essenziale alla definizione di tempo. Pertanto, Moravec suggerisce che questo metodo fallisce nel rappresentare il tempo in modo adeguato.

Serie-A: Un Approccio Dinamico ma Circolare

In alternativa, la serie-A classifica gli eventi in pile rappresentanti il passato, il presente e il futuro, riflettendo un cambiamento continuo. Tuttavia, questo metodo si basa su una logica circolare: presupporrebbe il tempo per funzionare, invalidando il proprio fondamento logico.

Il continuo dibattito filosofico sul tempo

Secondo Moravec, il dibattito su queste teorie è ancora vivo: gli A-teorici cercano di rielaborare la serie-A per evitarne la circularità, mentre i B-teorici difendono la validità della serie-B come rappresentazione della realtà temporale. I C-teorici, invece, propongono che l’ordine degli eventi possa essere arbitrario, un semplice prodotto della consuetudine.

Le teorie di McTaggart, esaminate da Moravec, hanno instaurato un dialogo filosofico che persiste oltre un secolo dopo, stimolando un continuo esame della natura del tempo basato sulla logica pura piuttosto che sull’empirismo scientifico. La risposta definitiva al quesito del tempo potrebbe non essere ancora stata scoperta, ma il dibattito stesso arricchisce la nostra comprensione del concetto di tempo.