Gli alieni si nascondono sulla Terra? L’ipotesi di Harvard sulle civiltà criptoterrestri

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Alieni

Un recente studio condotto da ricercatori di Harvard ha ipotizzato che civiltà aliene potrebbero vivere segretamente tra noi, nascoste in basi sotterranee o sottomarine. Questa teoria, denominata “ipotesi criptoterrestre” (CTH), si basa su diverse evidenze, tra cui fenomeni aerei non identificati (UAP) e leggende popolari di varie culture nel mondo

Secondo gli studiosi Tim Lomas, Brendan Case e Michael Masters, specie intelligenti potrebbero essersi insediate segretamente sulla Terra. La loro ricerca prende in esame fossili, registri archeologici e miti culturali che sembrano suggerire la presenza di civiltà avanzate nascoste. I fenomeni inspiegabili, come oggetti che sembrano entrare o uscire da vulcani e oceani, supportano la possibilità di basi segrete. Inoltre, le caratteristiche dei UAP, come la capacità di accelerazione istantanea e il viaggio trans-mediale, indicano l’uso di tecnologie avanzate al di là della nostra comprensione attuale.

Un’analisi interdisciplinare di fenomeni inspiegabili

Per sostenere la loro tesi, Lomas e i suoi co-autori intraprendono un’approfondita analisi interdisciplinare, intrecciando prove provenienti da campi diversi come antropologia, storia, geologia, biologia e mitologia. Esaminano potenziali lacune nei registri fossili e archeologici che potrebbero permettere la possibilità di specie intelligenti antiche precedenti all’umanità. Gli autori analizzano anche il folklore e le leggende di culture di tutto il mondo che descrivono interazioni con entità sotterranee o sottomarine. Infine, scrutano l’attività anomala degli UAP, inclusi avvistamenti di oggetti che entrano o escono da vulcani, oceani e laghi, che potrebbero indicare basi nascoste in luoghi inaccessibili.

Pur riconoscendo la natura speculativa della CTH, l’articolo sostiene che le caratteristiche strane di molti incontri con UAP – come l’accelerazione istantanea, il viaggio trans-mediale e le capacità anti-gravitazionali – sfidano la comprensione scientifica attuale. Dato che la nostra conoscenza del passato della Terra è limitata e vaste aree del pianeta rimangono inesplorate, gli autori affermano che non possiamo escludere la possibilità che intelligenze non umane siano state nascoste accanto a noi per un tempo sconosciuto. Questa teoria è talvolta chiamata “teoria degli antichi alieni”.

L’articolo delinea quattro potenziali varianti dell’ipotesi cripto-terrestre: resti di antiche civiltà umane, specie ominidi sconosciute, visitatori extraterrestri che vivono in clandestinità o entità più sovrannaturali e “magiche”. Gli autori ammettono di non avere prove definitive dell’esistenza dei cripto-terrestri. Senza prove fisiche o osservazioni dirette da testimoni credibili, la CTH rimane una congettura intrigante ma non dimostrata. Gran parte del sostegno per le civiltà sotterranee si basa su resoconti mitologici.

La necessità di un approccio equilibrato nella ricerca di vita extraterrestre

Nonostante la mancanza di prove concrete, i ricercatori sostengono che le osservazioni dei UAP offrono indizi significativi. Avi Loeb, direttore del dipartimento di astronomia di Harvard, enfatizza l’importanza di un’indagine scientifica rigorosa dei fenomeni inspiegabili, mantenendo una mentalità aperta verso possibilità non ancora esplorate. La recente scoperta di numerosi esopianeti ha rivoluzionato la ricerca SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence), offrendo nuove indicazioni su dove concentrare gli sforzi di ricerca.

L’importanza di un approccio basato su prove rigorose è fondamentale per evitare conclusioni premature. Gli autori dello studio invitano a una considerazione scientifica aperta e metodica, specialmente quando si indagano fenomeni UAP e altre evidenze potenzialmente legate a civiltà aliene nascoste. È essenziale mantenere un equilibrio tra scetticismo e apertura mentale, esplorando a fondo tutte le possibili spiegazioni di questi fenomeni.