Il Sole scatena un’enorme eruzione solare di classe X, la più potente dal 2017

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Brillamento Sole 14 dicembre 2023

Il Sole ha recentemente ribadito la sua potente presenza nell’universo con un brillamento solare di classe X, verificatosi ieri, 14 dicembre 2023. Questo fenomeno, che ha emesso un’impressionante quantità di radiazioni ad alta energia, è stato osservato dalla sonda Solar Dynamics Observatory della NASA. I brillamenti solari sono classificati in tre categorie in base alla loro intensità: C, M e X, con X che rappresenta il livello più elevato.

Questo specifico brillamento solare è stato classificato come X2.8, rendendolo l’evento solare più potente dall’epoca di settembre 2017, come riportato da SpaceWeather.com. L’eruzione si è verificata alle 17:02 UTC (18:02 ora italiana), e la sua intensità è stata tale da provocare un considerevole interesse tra gli esperti.

L’eruzione solare più intensa dal 2017: quali effetti sulla Terra?

La dinamica interna di questa regione è particolarmente interessante. Dopo aver iniziato a ruotare verso il lembo occidentale del sole, la regione 3514 si è evoluta rapidamente, assumendo una complessa configurazione magnetica identificata come Beta-Gamma-Delta. Questa configurazione è rilevante perché è stata la fonte di energia per l’imponente brillamento solare di classe X appena osservato. È interessante notare che questo è il brillamento solare più potente registrato nell’attuale ciclo solare, superando qualsiasi evento simile dal 2017.

I brillamenti solari di questa magnitudine sono spesso accompagnati da espulsioni di massa coronale (CME), che spingono enormi quantità di plasma solare nello spazio a velocità straordinarie. È stato rilevato che un CME potrebbe essere associato a questo particolare brillamento, con una possibile traiettoria diretta verso la Terra. Queste espulsioni possono generare tempeste geomagnetiche, capaci di interrompere le reti elettriche e di potenziare le aurore, rendendo questi spettacoli di luci celesti più intensi e visibili in aree più estese.

Nonostante l’atmosfera terrestre protegga dal raggiungimento delle radiazioni nocive al suolo, gli effetti di un brillamento solare possono influenzare la vita quotidiana. Queste radiazioni possono disturbare i segnali dei satelliti GPS e di comunicazione, causando blackout radiofonici. Infatti, il recente brillamento ha provocato un blackout radiofonico a onde corte nelle Americhe.

Il Sole sta diventando sempre più attivo, inserendosi in un ciclo di 11 anni durante il quale la sua attività varia. La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) prevede che l’attuale ciclo solare 25 raggiungerà il suo picco tra gennaio e ottobre del prossimo anno, suggerendo che potremmo assistere a più eventi solari significativi nel prossimo futuro.