Una recente collisione cosmica sconvolge la storia della Via Lattea

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Via Lattea

Le prove del passato della Via Lattea sono codificate nelle pieghe delle stelle, le cui posizioni e movimenti si sono spostati man mano che la nostra galassia ha interagito con altre galassie, talvolta in modo violento. Ora, un team di astronomi afferma che l’ultimo di questi scontri cosmici è avvenuto miliardi di anni dopo rispetto a quanto si pensasse, rendendo la Via Lattea che conosciamo e amiamo un’entità molto più giovane di quanto si credesse in precedenza.

In sostanza, invece di risalire a circa otto miliardi di anni fa, i nuovi dati indicano che le stelle potrebbero essere arrivate da una fusione avvenuta solo tre miliardi di anni fa, un periodo molto più recente anche in termini dell’età totale dell’universo, pari a 13,77 miliardi di anni.

Nuovi dati dal telescopio spaziale Gaia

Questa scoperta degli astronomi è stata realizzata utilizzando i dati del telescopio spaziale Gaia dell’ESA, lanciato nel dicembre 2013. Il terzo rilascio di dati di Gaia, pubblicato nel 2022, include informazioni che i ricercatori affermano suggeriscono una fusione più recente rispetto a quelle precedentemente note. L’analisi dei dati di Gaia da parte del team è stata pubblicata il mese scorso nei Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Secondo Heidi Jo Newberg, astronomo del Rensselaer Polytechnic Institute, “Perché le pieghe delle stelle siano così evidenti come appaiono nei dati di Gaia, devono essersi unite a noi meno di tre miliardi di anni fa, almeno cinque miliardi di anni dopo rispetto a quanto si pensasse in precedenza. Nuove pieghe di stelle si formano ogni volta che le stelle oscillano avanti e indietro attraverso il centro della Via Lattea. Se si fossero unite a noi otto miliardi di anni fa, ci sarebbero così tante pieghe vicine tra loro che non le vedremmo più come caratteristiche separate.”

L’alone stellare della Via Lattea e il suo “ultimo grande incontro”

La regione di interesse nei dati di Gaia è l’alone stellare interno della Via Lattea. Quest’area presenta un tratto con un’alta concentrazione di ferro e idrogeno. Le stelle in questo tratto hanno orbite eccentriche rispetto alle stelle circostanti. A causa della loro irregolarità, questa componente dell’alone è definita “ultimo grande incontro”, indicando l’ultimo incontro intergalattico che ha contribuito a plasmare la nostra moderna Via Lattea. Studiando come le pieghe della Via Lattea si appianano nel tempo, i ricercatori possono determinare il momento in cui la nostra galassia si è mescolata con altre.

Thomas Donlon, astronomo del Rensselaer Polytechnic Institute e dell’Università dell’Alabama, nonché autore principale dello studio, ha dichiarato: “Diventiamo più rugosi con l’età, ma il nostro lavoro rivela che il contrario è vero per la Via Lattea. È una sorta di Benjamin Button cosmico, che diventa meno rugosa nel tempo.”

La collisione di tre miliardi di anni fa probabilmente si è verificata tra la Via Lattea e una galassia nana, ha aggiunto Donlon. Può sembrare strano pensare alla Via Lattea come a un’accozzaglia eclettica di stelle di età diverse, ma il recente studio suggerisce proprio questo: siamo solo un melting pot galattico, pronto per essere analizzato dai telescopi per capire quando sono stati aggiunti i diversi ingredienti.