Tempeste geomagnetiche classe G1 attese per il fine settimana

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it sole poli magnetici

Tempeste geomagnetiche di classe G1 sono previste per il fine settimana, con maggiore probabilità il 26 maggio 2024, a causa di un’espulsione di massa coronale (CME) che potrebbe sfiorare il campo magnetico terrestre. Questo fenomeno è stato riportato dal sito specializzato SpaceWeather.com, gestito dall’astrofisico Tony Phillips. La CME è stata lanciata nello spazio il 23 maggio alle 08:40 ora italiana, originatasi da un filamento magnetico in eruzione vicino al centro del disco solare (S15E05).

I filamenti solari sono lunghe strutture sottili che si estendono sulla superficie della stella. Si tratta di regioni di gas molto densi e “freddi”, creati dagli intensi campi magnetici solari. Queste strutture appaiono scure rispetto alle aree circostanti perché hanno una temperatura inferiore. Occasionalmente, i filamenti possono causare eruzioni di materiale solare nello spazio, come accaduto il 23 maggio.

Un’espulsione di massa coronale (CME) rappresenta un’enorme emissione di plasma e campi magnetici dalla corona solare, la parte più esterna dell’atmosfera del Sole. Questo fenomeno avviene a seguito di un rilascio improvviso di energia magnetica accumulata, spesso in concomitanza con la riorganizzazione dei campi magnetici solari e l’attività delle macchie solari. Durante una CME, enormi quantità di materia carica, principalmente protoni ed elettroni, vengono rilasciate nello spazio interplanetario a velocità che possono variare da centinaia a migliaia di km/s. Quando queste particelle raggiungono la Terra, possono interagire con il campo magnetico terrestre, provocando tempeste geomagnetiche che influenzano reti elettriche, sistemi di comunicazione e satelliti. Inoltre, accelerando lungo le linee del campo magnetico terrestre, creano spettacolari aurore polari.

Effetti delle tempeste geomagnetiche sul nostro pianeta

Una tempesta geomagnetica è un evento provocato dall’interazione tra il campo magnetico terrestre e il vento solare, composto da particelle cariche emesse dal Sole. Queste interazioni, quando particolarmente intense, possono causare disturbi significativi nella magnetosfera terrestre, con impatti su comunicazioni, sistemi di navigazione elettronica e reti elettriche.

Le tempeste geomagnetiche vengono classificate dallo Space Weather Prediction Center (SWPC) della NOAA da G1 a G5:

  • G1 (Minor): Effetti lievi, con possibili disturbi nelle operazioni satellitari e comunicazioni ad alta frequenza, ma basso rischio per le reti elettriche.
  • G2 (Moderate): Effetti moderati, possono causare interruzioni nelle comunicazioni satellitari, aumentare la resistenza sui sistemi di navigazione GPS e generare instabilità nelle reti elettriche, specialmente a elevate latitudini.
  • G3 (Strong): Effetti significativi, con possibili blackout radio nelle regioni polari, disturbi nella navigazione GPS e potenziali danni temporanei alle reti elettriche.
  • G4 (Severe): Effetti gravi, possono causare blackout radio estesi, disturbi nella navigazione GPS e danni alle reti elettriche che portano a blackout su larga scala.
  • G5 (Extreme): Effetti eccezionalmente gravi, con potenziale per danneggiare satelliti, disturbare le comunicazioni a livello globale, interrompere la navigazione GPS e provocare blackout generalizzati e prolungati nelle reti elettriche.