SpaceX lancia l’ultimo satellite di trasmissione SES

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it SpaceX

Nella giornata di ieri, giovedì 20 giugno 2024, SpaceX ha lanciato con successo Astra 1P per l’operatore lussemburghese SES verso l’orbita geostazionaria. Il satellite sostituirà quattro vecchi satelliti per le trasmissioni in Europa. Un Falcon 9 è decollato alle 17:35 ora orientale dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida, dopo essere stato rinviato due volte a causa del maltempo.

Dopo circa 35 minuti dal decollo, Astra 1P è stato posizionato in un’orbita di trasferimento geostazionaria, poco dopo che il primo stadio del razzo è atterrato con successo su una nave drone nell’Oceano Atlantico per essere riutilizzato. SES è stata la prima a lanciare un satellite commerciale con SpaceX nel 2013 e nel 2017 è diventata anche la prima a utilizzare un booster già volato. Da allora, gli atterraggi dei booster SpaceX sono diventati una routine e questa missione ha segnato il 320° atterraggio di un razzo di classe orbitale per l’azienda. Il booster che ha trasportato Astra 1P aveva già effettuato otto lanci, inclusi quattro per la costellazione Starlink di SpaceX.

Il viaggio di Astra 1P e le prospettive future

Costruito da Thales Alenia Space, Astra 1P trascorrerà gran parte dell’anno utilizzando la propulsione elettrica di bordo per raggiungere la sua posizione orbitale a 19,2 gradi Est, dove completerà i controlli di salute in tempo per l’inizio dei servizi a gennaio. Attualmente, SES fornisce servizi TV a circa 119 milioni di famiglie da quattro satelliti in questa posizione orbitale, principalmente in Germania, Spagna e Francia. La capacità in banda Ku di Astra 1P sarà sufficiente a sostituire tutti e quattro questi satelliti una volta che saranno ritirati, secondo il CEO di SES Adel Al-Saleh.

Un satellite di comunicazioni geostazionarie è tipicamente progettato con abbastanza carburante per durare circa 15 anni in orbita. Il satellite più vecchio operato da SES a 19,2 gradi Est, Astra 1KR, è stato lanciato nell’aprile 2006. SES ha ordinato il satellite Astra 1Q in banda Ku da Thales Alenia Space nello stesso momento di Astra 1P nel 2021 e per la stessa posizione orbitale. Mentre Astra 1P è un satellite a fascio largo classico, Astra 1Q è definito software e può essere riprogrammato per fornire missioni di connettività se necessario dopo un lancio previsto per il 2026.

Con il mercato della TV satellitare che gradualmente cede terreno ai servizi di streaming online, SES e altri operatori di trasmissioni tradizionali stanno orientando i loro affari verso i servizi a banda larga per soddisfare la crescente domanda di dati. In marzo, SES ha annunciato piani per l’acquisto del concorrente Intelsat per 3,1 miliardi di dollari, al fine di rafforzare i suoi servizi di connettività in mezzo alla crescente concorrenza di Starlink. Il 19 giugno, l’operatore lussemburghese ha dichiarato di aver ottenuto un pacchetto di debito di tre miliardi di euro (3,2 miliardi di dollari) per supportare l’accordo.