Segnali misteriosi provenienti da un pianeta extrasolare “infernale” intercettati dal telescopio Webb

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it esopianeta 55 Cancri e

Gli astronomi hanno da tempo osservato segnali enigmatici provenienti dal cosiddetto “pianeta infernale“, noto anche come 55 Cancri e, a 40 anni luce di distanza dalla nostra Terra. Nonostante questi segnali siano stati rilevati grazie al telescopio spaziale Spitzer della NASA, l’enigma rimane non risolto. Tuttavia, le recenti ricerche pubblicate sulla piattaforma arXiv suggeriscono che questo esopianeta potrebbe avere un’atmosfera che si rigenera costantemente.

Posizionato nel sistema stellare di 55 Cancri, questo esopianeta appartiene al gruppo delle super-Terre, corpi celesti rocciosi con una massa superiore alla Terra. Una particolarità di 55 Cancri e è la sua rotazione sincrona: un lato del pianeta è sempre esposto alla sua stella, raggiungendo temperature di 2427°C, mentre l’altro lato rimane eternamente in ombra, con temperature di circa 1127°C. Questa differenza di temperatura porta a fenomeni climatici estremi, tra cui venti supersonici e vasti oceani di lava, guadagnandosi il soprannome di “pianeta infernale”.

Molte teorie sono state proposte per spiegare l’origine dei segnali. Alcuni suggeriscono che potrebbero derivare da un’intensa attività vulcanica, causata dal forte calore sul lato esposto del pianeta. Queste eruzioni vulcaniche potrebbero rilasciare enormi quantità di gas e particelle nell’atmosfera, un fenomeno noto come degassamento. Tuttavia, a causa del calore estremo, questa atmosfera potrebbe essere spazzata via rapidamente, solo per rigenerarsi nuovamente. Altri ritengono che i segnali possano essere collegati a un’atmosfera unica ricca di composti chimici insoliti.

Atmosfera instabile e i segnali misteriosi

L’atmosfera di 55 Cancri e presenta una peculiarità: subisce continui cambiamenti. Mentre alcuni fenomeni interni tendono a rigenerare l’atmosfera, le forti radiazioni e i venti stellari esterni la respingono. Questa dinamica potrebbe essere la causa degli strani segnali di transito osservati. La capacità del telescopio James Webb di analizzare la luce degli esopianeti per studiare la loro composizione atmosferica potrebbe fornire le risposte necessarie.

Esaminando l’atmosfera di 55 Cancri e, gli scienziati sperano di trovare tracce di attività vulcanica e di determinare se l’atmosfera è presente durante i transiti. La decifrazione di questi segnali non solo aiuterebbe a comprendere 55 Cancri e, ma anche a estendere la nostra comprensione dei processi atmosferici e geologici su esopianeti simili, influenzando il modo di cercarli e scovarli in futuro.