Scoperto un fossile di “ragno appuntito” di 300 milioni di anni

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it ragno fossile

Una specie simile a un ragno, che si aggirava nelle foreste carbonifere del Nord America e dell’Europa, è stata recentemente ricondotta a una specie ancestrale di aracnidi chiamata Douglassarachne acanthopoda. Un team di ricercatori dell’Università del Kansas, del Natural Museum di Londra e del Museum für Naturkunde di Berlino ha analizzato un fossile scoperto da Bob Masek negli anni ’80, poi acquisito dalla Collezione David e Sandra Douglass. Questo fossile è stato esaminato di recente per comprendere meglio la diversità e la storia evolutiva degli aracnidi durante il periodo Carbonifero.

Douglassarachne acanthopoda presenta caratteristiche distintive come gambe robuste e spinose, che gli scienziati ritengono un importante esemplare per studiare le adattamenti degli aracnidi antichi e i loro ruoli ecologici negli ambienti preistorici, come spiega l’autore principale Paul Selden dell’Università del Kansas e del Natural History Museum di Londra:

Douglassarachne acanthopoda proviene dalla famosa località di Mazon Creek in Illinois e ha circa 308 milioni di anni. Questo aracnide compatto aveva una lunghezza corporea di circa 1,5 centimetri ed è caratterizzato dalle sue gambe eccezionalmente robuste e spinose, tali da essere del tutto diverse da qualsiasi altro aracnide conosciuto, vivente o estinto.

L’analisi mirava ad aiutare i paleontologi a comprendere la varietà di piani corporei esistenti tra gli aracnidi e come queste forme si siano evolute o estinte nel tempo. Il fossile di aracnide è stato trovato in una concrezione di argilla e ferro, una formazione rocciosa nota per conservare occasionalmente dettagli fini delle specie antiche. Esaminato al Field Museum of Natural History di Chicago, i ricercatori hanno rilevato che le parti boccali non erano chiaramente visibili, rendendo difficile caratterizzare la specie all’interno di un ordine specifico di aracnidi.

Nonostante la chiara visibilità delle gambe, altre parti del fossile hanno reso la caratterizzazione inconclusiva. Gli scienziati hanno anche notato che le misure carbonifere delle miniere di carbone hanno svolto un ruolo cruciale fornendo una ricca fonte di fossili ben conservati, inclusa la nuova specie descritta. Questi strati rocciosi offrono preziosi approfondimenti sulla diversità e l’evoluzione della vita antica durante il periodo Carbonifero.

L’aracnide dal corpo unico

Secondo la dichiarazione, i fossili di aracnidi rappresentano la prima volta nella storia della Terra in cui la maggior parte dei gruppi viventi di aracnidi si sono verificati insieme, come illustrato il coautore Jason Dunlop del Museum für Naturkunde di Berlino.

I ragni erano un gruppo piuttosto raro, noto all’epoca solo da linee primitive, e condividevano questi ecosistemi con vari aracnidi ormai estinti da tempo. Douglassarachne acanthopoda è un esempio particolarmente impressionante di una di queste forme estinte. Le gambe molto spinose del fossile ricordano alcuni moderni opilioni, ma il suo piano corporeo è molto diverso da un opilione o da qualsiasi altro gruppo di aracnidi conosciuto.

Dunlop ha aggiunto che il fossile potrebbe appartenere a un gruppo più ampio, che include ragni, aracnidi flagellati e scorpioni flagellati. Tuttavia, è stato confermato che questi aracnidi spinosi sembrano provenire da un’epoca in cui gli aracnidi stavano sperimentando una gamma di piani corporei diversi, qualunque fossero le loro affinità evolutive:

Alcuni di questi si sono estinti più tardi, forse durante il cosiddetto ‘Collasso delle Foreste Pluviali del Carbonifero,’ un periodo poco dopo l’era di Mazon Creek quando le foreste di carbone hanno iniziato a frammentarsi e morire. O forse questi strani aracnidi sono sopravvissuti fino all’estinzione di massa del Permiano?