Scienziati al lavoro su un piano per raffreddare la Terra “oscurando” il Sole

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Ombrelli spaziali

In un’epoca in cui il cambiamento climatico minaccia l’equilibrio del nostro pianeta, scienziati di tutto il mondo si affannano nella ricerca di soluzioni innovative per scongiurare le conseguenze più disastrose. Tra le proposte più audaci e sorprendenti, emerge un’idea che sembra uscita direttamente da un romanzo di fantascienza: l’invio di ombrelli nello Spazio per creare una barriera protettiva che riduca l’incidenza delle radiazioni solari sulla Terra. Questa visione futuristica, che potrebbe sembrare a prima vista un semplice esercizio di immaginazione, sta guadagnando terreno grazie al lavoro pionieristico di un gruppo di ricercatori guidati da un professore di fisica di fama internazionale.

Secondo quanto riportato dal New York Times, difatti, un’ambiziosa proposta emerge dal lavoro congiunto del professor Yoram Rozen dell’Asher Space Research Institute e del Technion-Israel Institute of Technology, che annunciano la loro prontezza nel realizzare un prototipo funzionante.

Tuttavia, l’implementazione di tale tecnologia si scontra con una sfida di proporzioni astronomiche: l’estensione necessaria dello scudo, che dovrebbe coprire un’area vasta quanto l’Argentina, ovvero circa un milione di chilometri quadrati. La soluzione proposta da Rozen e dal suo team prevede il lancio di uno sciame di ombrelli di dimensioni ridotte, i quali collaborerebbero tra loro una volta dispiegati nello spazio.

Le critiche non mancano: alcuni esperti intervistati dal NYT evidenziano le enormi difficoltà logistiche e i costi proibitivi di un progetto così ambizioso, oltre alla pressione del tempo imposta dall’accelerazione del riscaldamento globale. Tuttavia, i sostenitori di questa soluzione ribadiscono l’importanza di esplorare ogni possibile via per fronteggiare la crisi climatica. Il team di Rozen punta a raccogliere tra i 10 e i 20 milioni di dollari per dar vita al loro prototipo, conscio che il loro contributo non sarà decisivo nella battaglia contro il cambiamento climatico, ma potrebbe dimostrare la fattibilità di soluzioni finora considerate utopistiche.

Noi del Technion non salveremo il pianeta, ma dimostreremo che è possibile agire.

L’Innovazione degli ombrelli spaziali

L’idea di utilizzare ombrelli spaziali per fare ombra alla Terra non è nuova e risale a decenni fa. La strategia non punta a bloccare completamente il Sole, ma a ridurre la sua incidenza sulla Terra di una percentuale minima, tra l’1 e il 2%, sufficiente tuttavia a mitigare significativamente gli effetti del riscaldamento globale. Recentemente, studi avanzati da ricercatori di Harvard e dell’Università dello Utah hanno valutato la possibilità di posizionare polvere in un punto di Lagrange, un’area di equilibrio gravitazionale tra Sole e Terra, per filtrare le radiazioni solari.

Un’altra proposta ha incluso l’uso di un ombrello ancorato a un asteroide per ottenere un effetto simile. Nonostante queste innovazioni, è fondamentale riconoscere che tali tecnologie rappresenterebbero solo una frazione della soluzione complessiva al cambiamento climatico, poiché le emissioni di gas serra continuerebbero a riscaldare l’atmosfera terrestre.