Rilevato segnale cosmico da 5 miliardi di anni luce che cambia la storia dell’astronomia

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it megamaser

Gli astronomi hanno recentemente fatto una scoperta straordinaria: un segnale laser a onde radio, noto come megamaser, proveniente da una distanza di circa 5 miliardi di anni luce dalla Terra. Questo fenomeno è il risultato di una collisione tra due galassie, un evento cosmico di proporzioni enormi.

La luce emessa da questo megamaser ha percorso una distanza stupefacente di 58mila miliardi di miliardi di chilometri prima di essere intercettata dal telescopio MeerKAT, situato nella regione del Karoo in Sudafrica. Questa è la prima volta che un team di astronomi riesce a osservare direttamente la luce di un megamaser, aprendo nuove frontiere nella comprensione dell’universo.

Il ruolo cruciale del Telescopio MeerKAT nella scoperta

Il telescopio MeerKAT, protagonista di questa scoperta, è un impianto scientifico di primo piano. Composto da 64 antenne radio, è operativo dal luglio del 2018. Questo strumento astronomico ha svolto un ruolo chiave nell’identificazione del megamaser. Quando due galassie si scontrano, il gas contenuto in esse diventa incredibilmente denso, generando fasci di luce intensa, ovvero i megamaser. La recente osservazione di questo fenomeno è stata possibile grazie all’eccezionale capacità del MeerKAT di rilevare tali segnali.

In parallelo, è in corso la costruzione di un progetto ancora più ambizioso: il transcontinental Square Kilometer Array (SKA). Questo telescopio, distribuito tra Sudafrica e Australia, promette di rivoluzionare l’astronomia. Comprendendo migliaia di parabole e fino a un milione di antenne a bassa frequenza, l’SKA mira a diventare il più grande telescopio del mondo. La sua area di raccolta supererà il chilometro quadrato, permettendo agli astronomi di osservare l’intera volta celeste con una velocità e una precisione mai viste prima. Questo telescopio rappresenta un salto qualitativo nella nostra capacità di esplorare l’universo, offrendo prospettive entusiasmanti per il futuro dell’astronomia.