Quanto tempo impiega il tuo cervello a guarire dall’abuso di alcol?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Cervello e alcol

Un recente studio ha portato alla luce risultati significativi riguardo al recupero cerebrale in individui affetti da disturbo da uso di alcol (Alcohol Use Disorder, AUD). La ricerca ha evidenziato come, dopo un periodo di astinenza prolungato dall’alcol, si verifica un riacquisto dello spessore della corteccia cerebrale. Questo strato esterno del cervello tende ad assottigliarsi in chi soffre di AUD.

Timothy C. Durazzo, l’autore dello studio, ha sottolineato in un’intervista a Psypost la scarsità di informazioni preesistenti sul recupero strutturale del cervello umano in seguito a un’astinenza di lungo periodo da alcol. Lo studio da lui condotto è il primo a dimostrare un significativo recupero dello spessore corticale in molteplici regioni cerebrali dopo un trattamento per l’AUD, in un arco temporale di circa 6-7 mesi. Durante il periodo di studio, 88 individui con AUD sono stati monitorati tramite risonanza magnetica (MRI) a intervalli regolari: una settimana, un mese e poi dopo 7,3 mesi. Di questi, 23 hanno iniziato il percorso di astinenza da 4-5 settimane, mentre 43 hanno sperimentato una ricaduta dopo il secondo intervallo. I risultati sono stati poi confrontati con quelli di un gruppo di controllo composto da 45 individui non fumatori e non affetti da AUD.

È stato osservato che in 19 soggetti, il tasso di recupero dello spessore corticale è stato più veloce nel primo mese rispetto al periodo successivo fino a 7,3 mesi. Queste regioni cerebrali sono implicate in funzioni cruciali quali la valutazione della salienza, le funzioni esecutive, l’elaborazione e la regolazione dell’umore e degli affetti, l’automonitoraggio, il controllo comportamentale e la modalità di default. Gli autori dello studio hanno ipotizzato che un recupero più rapido in queste aree durante l’astinenza precoce potrebbe essere collegato a una maggiore integrità delle funzioni necessarie per mantenere una sobrietà prolungata.

Ulteriori ricerche

Durazzo ha evidenziato la necessità di ulteriori ricerche per esaminare la correlazione tra il miglioramento dello spessore corticale, i sintomi e le condizioni psichiatriche, le funzioni cognitive e le misure di qualità della vita. I partecipanti maschi allo studio avevano un consumo di oltre 150 bevande alcoliche al mese per un periodo di almeno otto anni, mentre le partecipanti femminili ne avevano consumato più di 80 al mese per almeno sei anni. È stato notato che un maggiore consumo di alcol nell’anno precedente lo studio era associato a un recupero ridotto dello spessore in alcune regioni di interesse (ROI).

Per quanto riguarda i fumatori, l’aumento del numero di pacchetti di sigarette fumati (considerando un pacchetto come l’equivalente di 20 sigarette al giorno per un anno) era correlato a una riduzione del recupero dello spessore in 11 aree. Invece, tra i non fumatori, né l’anamnesi del fumo di sigaretta né le comorbidità psichiatriche o l’abuso di altre sostanze erano predittori significativi dei cambiamenti nello spessore corticale. Questi risultati sottolineano l’importanza dell’astinenza dal fumo per coloro che cercano un trattamento per l’AUD.

Infine, i soggetti con condizioni predisponenti all’aterosclerosi, come il diabete di tipo 2, l’iperlipidemia, l’epatite c e l’ipertensione, non hanno mostrato lo stesso miglioramento nelle diverse regioni corticali rispetto al gruppo senza tali condizioni. Durazzo ha enfatizzato l’importanza di trattare e gestire efficacemente queste condizioni.