Ora sappiamo perché questa roccia comune è così brava a far crescere le nuvole

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Rocce e nuvole

Una recente indagine scientifica ha portato alla luce il ruolo sorprendente del feldspato, un minerale ampiamente presente che costituisce la metà della crosta terrestre, nel processo di formazione delle nuvole. Gli esperti dell’Università Tecnica di Vienna hanno impiegato un microscopio a forza atomica di elevata sensibilità per studiare minuziosamente questo materiale.

Si è scoperto che, quando il feldspato si frattura, rilascia una minima quantità di vapore acqueo proveniente da piccole “cavità” interne, che successivamente si lega nuovamente alla superficie del minerale. Questo fenomeno, unitamente all’energia sprigionata dalla scissione della roccia, provoca la frammentazione delle molecole d’acqua, generando gruppi idrossilici (OH), costituiti da atomi di ossigeno e idrogeno congiunti.

Il processo di disgregazione molecolare nel feldspato

Questi gruppi idrossilici sono essenziali nell’attrazione reciproca tra acqua e feldspato, agendo come punti di ancoraggio ideali per le molecole d’acqua. Tale scoperta riveste un’importanza cruciale per comprendere meglio i cicli dell’acqua, del carbonio e del potassio del nostro pianeta. Inoltre, è fondamentale per approfondire la conoscenza degli effetti del cambiamento climatico sull’atmosfera e sulla formazione delle nuvole.

Le teorie precedenti avevano preso in considerazione gli effetti degli atomi di potassio presenti nel feldspato e le anomalie nella sua struttura cristallina. Tuttavia, questa ricerca, pubblicata nel Journal of Physical Chemistry Letters, ha risolto uno dei misteri che a lungo aveva confuso gli studiosi riguardo al feldspato. La rivelazione non solo amplia la nostra comprensione di come il minerale interagisca con altri elementi, ma apre anche nuove prospettive sulla formazione e lo sviluppo delle nuvole nell’atmosfera terrestre.