Uno strano oggetto intrappolato tra Saturno e Urano si sta trasformando davanti ai nostri occhi

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Chirone

Il pianeta minore 2060 Chiron, classificato come “Centauro” per la sua orbita peculiare tra Saturno e Urano e per la duplice natura di asteroide e cometa, presenta caratteristiche straordinarie. Con un diametro di soli 218 chilometri, Chiron mostra periodicamente attività cometaria, distinguendosi come un oggetto spaziale unico. Tuttavia, è importante notare che nessuna missione spaziale ha finora esplorato i Centauri.

Nel 2011, un evento noto come “occultazione stellare” ha permesso di studiare Chiron più dettagliatamente. Durante tale fenomeno, Chiron ha oscurato una stella, offrendo così indizi sulla sua forma e dimensioni. L’analisi della luce stellare ha rivelato una leggera attenuazione causata da Chiron, suggerendo la presenza di un doppio anello di polvere attorno al pianeta minore.

Il 28 novembre 2018, Chiron ha occultato un’altra stella, evento approfonditamente studiato da Amanda Sickafoose, scienziata del Planetary Science Institute. Utilizzando il telescopio dell’Osservatorio astronomico sudafricano di Sutherland, il team di ricerca ha osservato variazioni nella luce stellare, indicando la presenza di materiale polveroso a diverse distanze da Chiron. Questi risultati contrastano con le osservazioni del 2011, suggerendo che il sistema di anelli attorno a Chiron sia instabile e in continua evoluzione.

L’enigma di Chiron

Nel dicembre 2022, un’altra occultazione stellare da parte di Chiron è stata osservata in Egitto. Questo studio ha rivelato tre strutture simmetriche attorno a Chiron, formando un disco largo 580 chilometri. Questi risultati aggiungono ulteriori elementi di mistero intorno alla natura e alla composizione del materiale che circonda Chiron.

L’origine e la composizione del materiale attorno a Chiron restano incerte. Le teorie suggeriscono che possa provenire da Chiron stesso, espulso durante eventi cometari. Paragoni con un altro Centauro, il 10199 Chariklo, mostrano similitudini e differenze, stimolando ulteriori indagini. Le future osservazioni delle occultazioni stellari potrebbero fornire nuove comprensioni su questo affascinante e misterioso pianeta minore.