Le ultime aurore? Le più intense da oltre mezzo millennio: “Le studieremo per anni”

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Suono dell'aurora boreale

Le recenti aurore boreali e australi osservate da milioni di persone in tutto il mondo sono state tra le più spettacolari degli ultimi cinque secoli, grazie a una tempesta geomagnetica senza precedenti. La NASA ha confermato che questi eventi luminosi sono stati innescati dalla tempesta geomagnetica più potente degli ultimi vent’anni.

Tra il 10 e il 12 maggio, la Terra è stata investita da una significativa perturbazione geomagnetica causata dall’impatto consecutivo di almeno cinque tempeste solari. Queste espulsioni di massa coronale (CME) sono state generate da brillamenti solari della gigantesca macchia solare AR3664, la più grande apparsa sul Sole nell’ultimo decennio, con una dimensione oltre 15 volte quella della Terra. Molti di questi brillamenti solari hanno raggiunto la classificazione “X”, la più potente possibile.

La tempesta geomagnetica risultante è stata principalmente classificata come G4, “severa”, ma ha temporaneamente raggiunto condizioni “estreme” di livello G5. Questi eventi sono comparabili all’evento Carrington del 1859, la tempesta solare più potente mai registrata. Fortunatamente, questa super-tempesta non ha causato danni significativi sulla Terra, se non per alcune temporanee interruzioni delle comunicazioni e dei satelliti. Tuttavia, ha creato uno spettacolo di aurore vibranti e multicolori visibili in vaste aree del pianeta.

Uno spettacolo di luci mai visto prima

Le aurore, normalmente visibili solo nelle regioni polari, durante grandi tempeste geomagnetiche possono apparire a latitudini molto più basse. Nell’emisfero settentrionale, le aurore sono state avvistate fino alla Florida e al Messico, oltre che in vaste parti dell’Europa. Nell’emisfero meridionale, sono state osservate fino alle Isole Galápagos e a Nuova Caledonia. Fotografi locali hanno catturato immagini spettacolari di queste aurore, con colori vibranti che illuminavano il cielo. Hisashi Hayakawa, esperto di meteo spaziale dell’Università di Nagoya, ha spiegato:

La volta precedente in cui sono state avvistate aurore in quelle zone risale all’evento Carrington del 1859.

La tempesta geomagnetica è stata così potente che la perturbazione magnetica è stata rilevata anche dagli osservatori sottomarini al largo delle coste del Canada. Teresa Nieves-Chinchilla, direttrice ad interim dell’Ufficio per l’Analisi del Meteo Spaziale della NASA, ha dichiarato:

Studieremo questo evento per anni. Ci aiuterà a testare i limiti dei nostri modelli e della nostra comprensione delle tempeste solari.

Questo livello senza precedenti di attività solare è dovuto al fatto che il Sole si trova nella fase più attiva del suo ciclo di circa 11 anni, noto come massimo solare. Questo massimo è arrivato prima del previsto ed è più intenso di quanto gli scienziati avessero inizialmente previsto. Questi eventi straordinari non solo hanno offerto uno spettacolo naturale unico, ma forniranno agli scienziati dati preziosi per comprendere meglio le dinamiche delle tempeste solari e migliorare i modelli previsionali.