La Nasa ha decifrato finalmente il misterioso messaggio captato da Voyager 1 e quello che ha scoperto cambia tutto

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it NASA Voyager 1

Da novembre 2023, la sonda Voyager 1 ha affrontato difficoltà comunicative con la NASA, trasmettendo una sequenza di zeri e uno indecifrabile. Dopo cinque mesi, un gruppo di scienziati dell’agenzia spaziale americana è riuscito a interpretare parte di questo enigma. La chiave di volta è stata fornita da un ingegnere del Deep Space Network della NASA, che ha decodificato i dati provenienti dal sistema di dati di volo (FDS) di Voyager 1.

Questi dati, inaspettatamente, si sono rivelati essere una registrazione della memoria dell’FDS contenente codice informatico, direttive per la missione principale e dati sulle variabili che influenzano il comportamento della sonda. La NASA ha annunciato che procederà al confronto di queste informazioni con quelle ricevute prima del guasto per identificare possibili discrepanze nel codice sorgente. La comunicazione con la sonda, attualmente situata a oltre 24 miliardi di chilometri dalla Terra, richiede circa 45 ore. Nonostante ciò, gli specialisti prevedono di ristabilire un collegamento efficace in poche settimane.

Le imprese delle Voyager

Voyager 1 e la sua compagna, Voyager 2, rappresentano i veicoli spaziali che hanno raggiunto le distanze più estreme nello spazio. Lanciate nel 1977 con l’obiettivo di esplorare il sistema solare esterno, hanno superato pianeti e si sono avventurate nello spazio interstellare. Entrambe portano i Golden Record, dischi placcati in oro che custodiscono informazioni sulla specie umana e sulla Terra.

Nonostante le interruzioni nelle comunicazioni, come quella sperimentata da Voyager 2 nel 2023 a causa di un comando errato, questi veicoli spaziali continuano a essere di vitale importanza per l’astronomia. Le due sonde, equipaggiate con generatori termoelettrici a radioisotopi di plutonio-238, continueranno a inviare dati fino all’esaurimento delle loro batterie, momento in cui viaggeranno in solitaria con i loro preziosi Golden Record a bordo.