La collisione tra la Grande Nube di Magellano e la Via Lattea potrebbe essere imminente

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Nube di Magellano

La Via Lattea non è isolata nello spazio, ma è circondata da diverse galassie satellite, tra cui spiccano la Grande e la Piccola Nube di Magellano. Queste due galassie, visibili dall’emisfero australe, si sono avvicinate a noi attraverso un’interazione gravitazionale durata miliardi di anni. Tale interazione ha causato lo strappo di ingenti quantità di gas da entrambe le galassie, un fenomeno conosciuto come Corrente di Magellano. Questo flusso di gas e polveri stellari non solo arricchisce la nostra conoscenza del cosmo, ma ci offre anche preziosi indizi sulla storia della nostra galassia e delle sue vicine più prossime.

Recenti studi condotti dall’Università del Wisconsin-Madison e dallo Space Telescope Science Institute hanno portato alla luce nuove scoperte riguardanti la Corrente di Magellano. Attraverso l’analisi di dati raccolti nell’arco di 3,5 miliardi di anni, è emerso che questo vasto flusso di gas si trova a una distanza cinque volte inferiore rispetto a quella stimata inizialmente. Questa prossimità implica che la Corrente potrebbe impattare con la Via Lattea molto prima di quanto anticipato, potenzialmente catalizzando la formazione di nuove stelle all’interno della nostra galassia.

Implicazioni di una prossima collisione galattica

Il rinnovato modello astronomico rivela dettagli cruciali riguardo la posizione delle stelle precedentemente appartenenti alle galassie nane, ora parte della Corrente di Magellano. In questo scenario dinamico, la Piccola Nube di Magellano orbita attorno alla Grande Nube in una traiettoria inaspettata, spingendo il flusso di gas direttamente verso la Terra. Gli scienziati stimano che la collisione avverrà a una distanza di soli 20 kiloparsec dal nostro pianeta, equivalenti a circa 65.000 anni luce.

Questi risultati non solo aggiornano la nostra comprensione del tempo e dello spazio intergalattico ma aprono anche la porta a nuove questioni sul futuro della Via Lattea e sulla genesi stellare nel nostro quartiere cosmico.