Le impronte di dinosauri su una scogliera in Alaska sorprendono gli scienziati: “Una scoperta che lascia senza parole”

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it impronta di dinosauro illustrazione

La recente scoperta di un gruppo di ricercatori nel Parco Nazionale di Denali, in Alaska, ha destato grande stupore: una parete di una scogliera alta quasi 66 metri, equivalente a un edificio di 20 piani, si è rivelata ricoperta da innumerevoli impronte di dinosauri fossilizzate. Questo fenomeno, che a prima vista sembra sfidare le leggi della gravità, si spiega con un interessante processo geologico.

Circa 70 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Cretaceo, l’area in questione era un terreno fangoso vicino a una pozza d’acqua, situata in una vasta pianura alluvionale. In quel contesto si sono formate le tracce lasciate da varie specie di dinosauri, tra cui esemplari giovani e adulti, erbivori, dinosauri con becco d’anatra e con le corna, oltre a carnivori come i rapaci, rettili volanti non aviani e persino un tirannosauro.

Le impronte sono state successivamente sollevate e inclinate su un fianco a causa del sollevamento del terreno durante la collisione di una placca tettonica. Questo movimento geologico ha contribuito a formare la catena montuosa dell’Alaska, lunga 966 chilometri, vicino al parco.

Impronte di dinosauro (2)
©Historical Biology

Il “Colosseo” dei dinosauri

I ricercatori hanno soprannominato affettuosamente il sito “Il Colosseo” per l’incredibile varietà e quantità di tracce di dinosauri che sembrano aver convissuto in quell’area. Un articolo dettagliato su questa scoperta è stato pubblicato il 27 luglio sulla rivista Historical Biology. La scogliera, parte di un vasto affioramento roccioso, è raggiungibile dopo circa sette ore di cammino dalla strada più vicina. Precedenti studi avevano rilevato alcune impronte alla base della scogliera, ma solo recentemente è stato scoperto il complesso mosaico di tracce sulla sua superficie, inizialmente nascoste da altri sedimenti.

Pat Druckenmiller, paleontologo dei vertebrati presso l’Università dell’Alaska Fairbanks e curatore del Museo del Nord dell’Università dell’Alaska, e il principale autore dello studio, Dustin Stewart di Paleo Solutions ed ex studente dell’Università dell’Alaska Fairbanks, hanno espresso il loro stupore per la visibilità delle impronte sotto una certa luce solare.

Impronte di dinosauro (2)
©Historical Biology

Analizzando più da vicino, il team ha notato che le impronte erano di una qualità eccezionale, mostrando dettagli come la forma delle dita e la consistenza della pelle. Sotto le tracce superficiali sono state trovate altre impronte, indicando una sequenza temporale di eventi geologici. Questo sito non solo presenta tracce di dinosauri, ma anche fossili di piante, polline, crostacei e impronte di uccelli trampolieri. I ricercatori sperano che questi ritrovamenti forniscano una visione più chiara dell’ecosistema di 70 milioni di anni fa.