Il ponte ologrammi di Star Trek diventa realtà grazie a ChatGPT e alla tecnologia dei videogiochi

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Holodeck

Il concetto di Holodeck, originario della serie televisiva Star Trek: The Next Generation, caratterizzato da una stanza in grado di ricreare virtualmente qualsiasi ambiente immaginabile tramite comandi vocali, è stato trasformato in realtà dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania. Questo dispositivo, chiamato “Holodeck” in onore delle sue origini fantascientifiche, utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare descrizioni linguistiche semplici e generare ambienti virtuali tridimensionali fotorealistici in risposta alle richieste degli utenti.

Il processo alla base del funzionamento del Holodeck è affascinante: gli utenti possono descrivere l’ambiente desiderato, come l’ufficio di un detective degli anni ’40 o un appartamento per un ricercatore con un gatto, e il sistema genera immediatamente pavimenti, pareti, finestre e arredi, aggiungendo anche elementi di disordine realistico come una torre per gatti. Yue Yang, dottorando e co-creatore del progetto, sottolinea la facilità di creare ambienti tramite il linguaggio, facilitando l’addestramento di agenti IA incarnati.

Il ponte tra la creazione manuale e la generazione IA

Fino ad ora, la creazione di ambienti virtuali per l’addestramento era un processo lento e laborioso, spesso affidato a artisti che impiegavano settimane per costruire singoli scenari. Con il sistema Holodeck, è possibile creare milioni di spazi unici in una frazione del tempo e dei costi precedenti. Questa capacità di generazione rapida è cruciale per l’allenamento delle reti neurali degli IA , che richiedono grandi quantità di dati per sviluppare un’intelligenza veramente efficace.

Holodeck opera attraverso modelli di linguaggio ampi (LLM), simili a quelli che alimentano assistenti conversazionali come ChatGPT. Questi modelli trasformano descrizioni testuali in interrogazioni dettagliate su oggetti, colori, disposizioni e altri parametri, per poi attingere da una vasta biblioteca di oggetti 3D e organizzarli accuratamente nello spazio virtuale. La qualità delle scene create da Holodeck è stata preferita dagli studenti rispetto a quelle di strumenti precedenti, dimostrando la coerenza e il realismo degli ambienti generati.

L’efficacia del Holodeck è stata testata attraverso l’addestramento di agenti IA nella navigazione di oggetti all’interno di questi ambienti virtuali. I risultati sono stati promettenti: un agente addestrato nei music room virtuali del Holodeck ha localizzato un pianoforte con una frequenza superiore del 30% rispetto agli scenari di training precedenti. Questo dimostra non solo l’avanzamento tecnologico ma anche il potenziale di Holodeck nel preparare robot per interagire in modo sicuro con ambienti nuovi. Grazie agli sviluppi in campo IA e alle ispirazioni tratte da “Star Trek”, ciò che una volta era considerato pura fantasia è ora una realtà virtuale, pronta a rivoluzionare il modo in cui i robot vengono addestrati per il mondo reale.