Il pianeta extrasolare a forma di uovo condannato a girare in una spirale mortale verso la sua stella

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it WASP-12b

Gli astronomi hanno scoperto un pianeta distante, dal calore infernale e dalle dimensioni doppie rispetto a Giove, il quale segue una traiettoria che lo porterà a schiantarsi contro la stella madre. Questo evento catastrofico è previsto avvenire in un futuro relativamente prossimo, su una scala cosmica. Da tempo, i ricercatori prevedevano che WASP-12b, così è stato nominato il pianeta, sarebbe finito per immergersi nella propria stella, situata a circa 1.400 anni luce dalla Terra. 

Tuttavia, le nuove scoperte hanno anticipato il tempo restante a WASP-12b. Le stime precedenti attribuivano a WASP-12b circa 10 milioni di anni prima della sua fine inevitabile, ma secondo i ricercatori, è molto più probabile che il pianeta si scontri con la sua stella molto prima, come spiegato da Pietro Leonardi, autore principale della ricerca e scienziato dell’Università di Padova:

Secondo i nostri calcoli, il pianeta si schianterà contro la stella [WASP-12] in soli 3 milioni di anni, un arco di tempo incredibilmente breve considerando che la stella sembra avere solo 3 miliardi di anni.

In altre parole, sebbene possa sembrare un lasso di tempo incredibilmente lungo, il fatto che stelle come il sole vivano per circa 10 miliardi di anni significa che si tratta di un periodo molto (molto) breve su scale cosmiche.

WASP-12b: un “Giove ultra-caldo” troppo vicino alla propria stella

In generale, il pianeta condannato WASP-12b orbita attorno alla sua stella nana gialla così da vicino che quasi riesce a comprimere un intero anno in un singolo giorno terrestre. Questa prossimità classifica WASP-12b come un pianeta “Giove ultra-caldo”, un nome adeguato considerando che la radiazione di questa stella colpisce incessantemente il pianeta, conferendogli una temperatura superficiale di circa 2.210 gradi Celsius.

Tuttavia, non è solo questa caratteristica a rendere questo mondo condannato un esopianeta estremo e diverso da qualsiasi altro trovato nel sistema solare. La gravità immensa percepita da WASP-12b a soli 2,1 milioni di miglia dalla sua stella genera forze di marea così grandi che il pianeta ha ora una forma ellittica.

Questa influenza gravitazionale sottrae anche materiale da WASP-12b, formando un disco di materia attorno alla stella nana gialla. Scoperto nel 2008, WASP-12b è stato il pianeta più caldo mai visto, un record ceduto nel 2018 a un altro mondo denominato Kelt-9b. All’epoca, WASP-12b era anche il pianeta più vicino alla sua stella, sebbene tale record sia ora detenuto da K2-137b, che si trova a poco più di mezzo milione di miglia dalla sua stella nana rossa situata a circa 322 anni luce dalla Terra.

Nonostante WASP-12b sia solo uno dei tanti esopianeti Giove caldi scoperti dalla metà degli anni ’90, qualcosa ha sempre distinto questo pianeta. WASP-12b sembrava sperimentare variazioni nel tempo impiegato per orbitare attorno alla sua stella, ad esempio. Le teorie precedenti avevano attribuito ciò a fattori come la posizione del pianeta rispetto alla Terra e un graduale spostamento dell’orbita.

Leonardi e i suoi colleghi hanno indagato sulla variazione temporale di WASP-12b esaminando 28 osservazioni del pianeta mentre transitava, o “transitava”, di fronte alla sua stella madre. Questo è stato fatto in collaborazione con il progetto Asiago Search for Transit Timing Variations of Exoplanets (TASTE). Queste osservazioni sono state raccolte in un periodo di 12 anni tra il 2010 e il 2022 dall’Osservatorio di Asiago in Italia.

Non solo questo studio ha rivelato che il destino infuocato di WASP-12b in circa 3 milioni di anni è il risultato di un fenomeno chiamato “dissipazione mareale“, ma ha anche fornito al team le prime indicazioni che la stella gialla del pianeta è molto attiva. Durante i periodi di alta attività, le stelle sono ricoperte da più macchie scure chiamate macchie solari e sperimentano esplosioni più estreme di particelle cariche sotto forma di plasma. Ciò significa che il team potrebbe aver colto WASP-12b mentre subiva un bombardamento ancora più violento da parte della sua stella rispetto al solito.

Una sorpresa emersa dall’analisi del team è stata alcune prove che suggeriscono che la stella nana potrebbe aver già raggiunto la fine del suo ciclo vitale principale, un periodo durante il quale le stelle bruciano idrogeno nei loro nuclei. Per stelle di massa bassa o intermedia come WASP-12, che ha una massa e un diametro circa 1,5 volte quelli del sole, la fine della combustione dell’idrogeno nel nucleo innesca un periodo della vita chiamato “fase di sub-gigante”, durante il quale la combustione dell’idrogeno si sposta verso gli strati esterni della stella.

In circa 3 milioni di anni, l’inevitabile immersione di WASP-12b nella sua stella darà vita a un evento che, teoricamente, potrebbe essere osservato dalla Terra, ammesso che sul nostro pianeta persista ancora una forma di vita intelligente, come spiegato da Leonardi:

Quando il pianeta si schianterà contro la stella, assisteremo a un’esplosione di luminosità che renderà la stella centinaia di volte più brillante di quanto non sia attualmente. Questo picco di luminosità sarà però di breve durata, per poi attenuarsi velocemente. Magari, gli esseri umani del futuro avranno l’opportunità di osservare e analizzare questo fenomeno. Tuttavia, è ancora presto per stabilire se quanto osservato rappresenti un caso isolato o un fenomeno ricorrente nell’universo.

Le implicazioni delle ricerche sul destino segnato di WASP-12b estendono la loro rilevanza anche ad altri pianeti del tipo Giove ultracaldo, suggerendo la possibilità che anche essi possano trovarsi su traiettorie di collisione con le rispettive stelle.