Il giallo delle tre stelle scomparse da decenni: gli astronomi ancora non riescono a trovarle

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Tre stelle scomparse

La notte del 19 luglio 1952 resterà per sempre impressa nella storia dell’astronomia. Mentre il Palomar Observatory in California scattava le sue tradizionali fotografie del firmamento, intorno alle 9 di sera, tre stelle di magnitudine 15 si rivelarono con chiarezza. La sorpresa arrivò quando, meno di un’ora dopo, queste stelle erano sparite senza lasciare traccia. Una scomparsa misteriosa che, nonostante le tecnologie avanzate, ancora oggi rimane un enigma senza soluzione.

Le stelle non scompaiono così, d’un tratto. La prova fotografica è inconfutabile: erano presenti nella prima immagine e assenti nella successiva. Come potrebbero attenuarsi così drasticamente in così poco tempo? Una delle teorie avanzate suggerisce che non fossero tre stelle separate, ma un singolo corpo celeste. L’idea è che un buco nero di massa stellare potrebbe aver attraversato il campo visivo tra la stella e la Terra, causando un effetto di lente gravitazionale, facendola apparire come tre entità distinte. Tuttavia, un evento del genere sarebbe estremamente insolito.

Le varie ipotesi

Un’ipotesi alternativa propone che i tre punti luminosi non fossero affatto stelle. Posizionati a una distanza di 10 secondi d’arco l’uno dall’altro, se fossero stati tre oggetti separati, un qualche fenomeno avrebbe dovuto stimolare la loro luminosità in un breve lasso di tempo, forse meno di 50 minuti. Considerando la velocità della luce, non dovrebbero trovarsi a più di 2 anni luce di distanza, forse parte della Nube di Oort, illuminati da un evento coincidente.

Un’ulteriore spiegazione riguarda l’ubicazione dell’Osservatorio Palomar, vicino al deserto del New Mexico, luogo di test nucleari. Forse la polvere radioattiva derivante da questi esperimenti potrebbe aver contaminato le lastre fotografiche, producendo anomalie luminose. Questa teoria, considerando altre anomalie riscontrate negli anni ’50, potrebbe essere la spiegazione più probabile. Tuttavia, senza prove concrete e ulteriori osservazioni, il mistero delle tre stelle scomparse rimane irrisolto.