I crimini nello spazio devono ancora verificarsi, ma ecco come potremmo risolverli quando ci saranno

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Astroforense

Con il programma Artemis, la NASA ambisce a far ritornare gli astronauti sulla superficie lunare e a stabilire una presenza orbitale permanente entro il termine di questo decennio. Parallelamente, il settore privato avanza rapidamente verso l’obiettivo di trasportare turisti spaziali ben oltre l’orbita terrestre. Questi sviluppi non solo segnano un’espansione dell’umanità nello spazio, che si estende dalla Terra fino alla Luna e potenzialmente oltre, ma aprono anche la strada a un campo di studio del tutto nuovo e affascinante: l’astroforense.

Questa branca emergente della scienza è stimolata dalla prevedibilità del comportamento umano e dalle uniche sfide che lo spazio pone alle indagini forensi. Le peculiarità di un ambiente spaziale, caratterizzato da gravità modificata, radiazioni cosmiche, estremi termici e la necessità di supporto vitale come l’ossigenazione, rappresentano solo alcune delle variabili che i futuri esploratori dello spazio dovranno considerare.

A differenza della Terra, dove la gravità costante influisce su molti aspetti della nostra esistenza, la notevole riduzione della gravità nello spazio introduce complessità addizionali nell’analisi delle prove, come dimostrato dallo studio delle macchie di sangue, una disciplina forense che dipende significativamente dagli effetti gravitazionali.

La microgravità nell’analisi forense

L’idea di gravità nello spazio evoca immagini di astronauti che galleggiano liberamente o si addestrano nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Tuttavia, una vera assenza di gravità si verifica solo a grande distanza da qualsiasi corpo celeste. Vicino a un corpo come la Luna o un pianeta, si sperimenta comunque una forma di gravità, anche se ridotta, come accade orbitando attorno alla Terra. Di conseguenza, la maggior parte degli ambienti spaziali è caratterizzata da bassa o microgravità, piuttosto che da una completa assenza di gravità.

Nell’ambito dell’analisi delle macchie di sangue, una disciplina che sfrutta principi di fluidodinamica, fisica e matematica per studiare il movimento e l’origine delle gocce di sangue, la gravità svolge un ruolo cruciale. Recentemente, uno studio pubblicato su “Forensic Science International: Reports” ha esplorato gli effetti dell’ambiente gravitazionale modificato dello spazio su questa e future discipline forensi.

Utilizzando un aereo di ricerca in volo parabolico, che simula brevi periodi di microgravità, i ricercatori hanno investigato il comportamento delle gocce di sangue in assenza di gravità convenzionale. Nonostante le sfide logistiche, gli esperimenti sono stati condotti all’interno di una glove box adattata, un ambiente sicuro e controllabile. Invece di sangue reale, è stato impiegato un sostituto sintetico per simulare le proprietà fisiche del sangue umano.

I risultati hanno evidenziato come la microgravità modifichi il comportamento delle gocce di sangue, che in assenza della gravità terrestre, viaggiano in linea retta anziché seguire una traiettoria parabolica. Questa osservazione, seppur limitata dalle dimensioni dell’ambiente di test, apre nuove prospettive sull’interazione tra sangue e superficie in condizioni di microgravità.

Le implicazioni di queste scoperte vanno oltre le applicazioni forensi, influenzando anche ambiti come la fluidodinamica nella progettazione dei veicoli spaziali e l’analisi forense di malfunzionamenti ingegneristici nello spazio. Per approfondire la ricerca in astroforense, saranno necessari ambienti di microgravità più estesi, e gli autori esprimono entusiasmo all’idea di gestire il primo laboratorio di scienze forensi extraterrestre.