I buchi neri potrebbero essere usati come batterie o reattori nucleari

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Buco nero batteria

I buchi neri, entità cosmiche di straordinaria gravità e mistero, hanno sempre suscitato un mix di fascino e timore nell’immaginario collettivo. Recentemente, alcuni scienziati hanno iniziato a indagare la possibilità di sfruttare i buchi neri per la produzione di energia, se mai dovessimo avere accesso a questi corpi celesti.

Gli autori di uno studio innovativo hanno proposto di trasformare un buco nero di Schwarzschild in una sorta di batteria elettrica. Questo tipo di buco nero, caratterizzato dall’assenza di rotazione e di carica elettrica, potrebbe assumere un campo elettrico statico mediante la caduta di particelle cariche. Un tale sistema consentirebbe di estrarre energia elettrica in modo controllato e con un’efficienza notevole, trasformando fino a un quarto della massa del buco nero in energia elettrica.

La dimensione di questa ipotetica batteria sarebbe paragonabile a quella di un atomo, tuttavia il suo peso sarebbe immenso, circa 1.000.000 miliardi di tonnellate, equivalenti a mille volte la massa del Monte Everest. Questo rende l’idea di integrarla in dispositivi comuni come gli smartphone un concetto affascinante ma allo stesso tempo sfidante.

Possibili reattori nucleari

Oltre all’idea della batteria, gli studiosi hanno anche ipotizzato l’uso di un buco nero di Schwarzschild come reattore nucleare. Lanciando particelle alfa all’interno del buco nero, si potrebbe trasformare il 25% della loro massa in energia, amplificando significativamente l’energia risultante dal decadimento nucleare.

Sebbene attualmente ci troviamo lontani dalla capacità di generare e controllare l’immensa gravità dei buchi neri, questo studio si presenta come un insieme di speculazioni ipotetiche. Tuttavia, nella scienza, l’immaginazione di scenari oltre le nostre capacità attuali spesso conduce a scoperte inaspettate e concrete. Queste ricerche aprono quindi nuovi orizzonti nella comprensione e nell’utilizzo potenziale dei buchi neri come fonti di energia.