Euclid e le sue immagini spettacolari di decine di migliaia di galassie

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Euclid

Le nuove e sorprendenti immagini del telescopio spaziale Euclid mostrano un’incredibile varietà di visioni stellari, rilasciate per celebrare la prima pubblicazione scientifica basata sulle osservazioni iniziali del telescopio. La missione dell’Agenzia Spaziale Europea, lanciata lo scorso anno, ha l’obiettivo di chiarire i misteri della materia oscura e dell’energia oscura, forze che costituiscono la maggior parte dell’universo conosciuto ma che sono in gran parte sconosciute poiché difficili da studiare. Gli scienziati sanno che la materia oscura deve esistere grazie ai suoi effetti gravitazionali, ma non possono osservarla direttamente poiché non interagisce con la luce.

Euclid NGC6744
NGC6744 ©ESA

La soluzione a questo enigma è rappresentata da un strumento estremamente sensibile come Euclid, che può osservare galassie lontane per vedere gli effetti della materia oscura su di esse. Valeria Pettorino e René Laureijs, scienziati del progetto Euclid presso l’Agenzia Spaziale Europea, hanno spiegato:

Dobbiamo misurare con precisione le forme di oltre 1,5 miliardi di galassie lontane.

Tuttavia, queste galassie possono essere deboli e minuscole, e viste dalla Terra, appaiono sfocate a causa dell’atmosfera del nostro pianeta. Poiché Euclid si trova sopra l’atmosfera nello spazio, può rilevare e misurare queste galassie con minori interferenze. Il risultato sono immagini quattro volte più nitide rispetto a quelle ottenute dai telescopi terrestri, mostrando un livello di dettaglio elevato su una vasta area del cielo.

Euclid Dorado
Dorado ©ESA

Utilizzando dati raccolti in sole 24 ore di osservazioni, mostrano oggetti come ammassi di galassie, regioni di formazione stellare e una grande galassia a spirale vicina chiamata NGC 6744. Oltre alle precise misurazioni delle galassie per la ricerca sulla materia oscura, il telescopio fornirà anche dati su altri oggetti astronomici, come sottolineato da Pettorino e Laureijs:

Saremo in grado di cercare anche oggetti che prima di Euclid erano molto difficili da rilevare come pianeti liberi, stelle ultrafredde, nane brune, galassie con luminosità superficiale molto bassa o popolazioni di quasar ad altissimo redshift. Euclid potrebbe anche rivelare nuovi oggetti mai osservati prima.

Pianeti vagabondi e ammassi di galassie

Le nursery stellari come Messier 78 saranno esaminate per trovare oggetti come i pianeti vagabondi o “rogue”, che non orbitano attorno a una stella ma vagano da soli attraverso il cosmo. Si pensa che ci siano trilioni di questi pianeti nella nostra galassia, ma sono difficili da studiare poiché spesso non interagiscono con oggetti vicini. Con Euclid, possono essere osservati pianeti vagabondi fino a quattro volte la dimensione di Giove, che è relativamente grande rispetto ai pianeti del nostro Sistema Solare ma piccolo rispetto alle stelle.

Euclid Abell 2764
Abell 2764 ©ESA

All’estremo opposto della scala di massa, Euclid osserverà anche interi gruppi di galassie, come l’ammasso Abell 2390, che contiene più di 50.000 galassie. Questi ammassi sono così massicci che piegano lo spazio-tempo, creando un effetto chiamato lente gravitazionale, in cui la luce delle galassie lontane viene distorta e appare come una forma deformata come un disco o un arco. Questo permette ai ricercatori di studiare la quantità di materia oscura presente nell’ammasso, poiché maggiore è la quantità di materia oscura, maggiore è la massa e quindi l’effetto lente. Pettorino e Laureijs hanno così commentato:

Questo è l’inizio di un viaggio straordinario verso una comprensione fondamentale dell’Universo in cui viviamo.

Le prime immagini di Euclid hanno superato le aspettative, secondo Pettorino e Laureijs, con risultati ottenuti da un solo giorno di osservazioni che già mostrano milioni di oggetti diversi. Nei prossimi sei anni, Euclid svelerà ancora di più dell’universo mentre esamina un terzo dell’intero cielo.

Euclid Messier 78
Messier 78 ©ESA