ChatGPT nei crediti di Disney+: rivoluzione IA o minaccia per l’industria dell’intrattenimento?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it IA sceneggiatore

Il mondo dell’intrattenimento è stato recentemente scosso da una decisione di Disney, che ha incluso l’intelligenza artificiale nei crediti di una sua produzione televisiva. Il 15 marzo 2024, gli utenti di Disney+ hanno scoperto che ChatGPT è stata accreditata per la composizione del testo della canzone “Club Song” nella serie Save The Tigers, trasmessa sulla piattaforma Disney+ Hotstar. Questo evento ha innescato una serie di reazioni contrastanti, evidenziando le preoccupazioni di chi lavora nell’industria.

Molti professionisti del settore hanno espresso timori per un possibile futuro in cui l’IA potrebbe sostituire il contributo umano, specie in un ambito creativo come la composizione musicale, sollevando questioni sul risparmio di costi a discapito della creatività e dell’autenticità artistica.

Precedenti e reazioni dell’industria

Non è la prima volta che Disney+ integra l’intelligenza artificiale nelle sue produzioni. Già nel giugno del 2023, durante la realizzazione della serie Marvel “Secret Invasion”, l’IA è stata utilizzata per creare i titoli di coda. Questo crescente impiego dell’IA sta alimentando il dibattito sulla sua presenza nel processo creativo e produttivo, spingendo a riflessioni sul suo ruolo all’interno delle grandi produzioni audiovisive.

La tensione tra il progresso tecnologico e la conservazione dei posti di lavoro è palpabile, tanto che il sindacato americano degli attori SAG-AFTRA ha proclamato uno sciopero l’anno scorso, marcando la prima protesta congiunta di attori e sceneggiatori dal 1960. Queste azioni dimostrano una significativa inquietudine verso le potenziali ripercussioni dell’adozione dell’IA nelle arti performative.

Per mitigare le preoccupazioni, Steph Leal, portavoce di Method Studios, ha rassicurato il pubblico affermando che l’IA è considerata un complemento agli strumenti tradizionalmente impiegati dagli artisti e non un loro sostituto. Tuttavia, l’impiego dell’IA rimane un tema controverso, soprattutto per le implicazioni economiche che comporta, specialmente nelle produzioni di grande calibro come quelle legate a Star Wars o Marvel.

Il settore spera che lo sciopero dello scorso anno abbia inviato un messaggio chiaro alle piattaforme di streaming e ai produttori, ma la minaccia di ulteriori scioperi persiste e potrebbe avere effetti devastanti sull’industria cinematografica americana, includendo ritardi o cancellazioni di numerosi progetti in pre-produzione.