ChatGPT introduce l’autenticazione a più fattori per maggiore sicurezza: come attivarla

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it ChatGPT sicurezza

OpenAI ha recentemente lanciato una delle funzionalità più attese per ChatGPT: l’autenticazione a più fattori (MFA). Questa aggiunta è finalizzata a rafforzare la protezione degli account degli utenti, migliorando notevolmente la loro sicurezza. L’azienda ha condiviso i dettagli di questa novità attraverso un post sul proprio blog.

Attivare l’MFA su ChatGPT è un processo diretto che migliora la sicurezza dell’utente. Per abilitare questa caratteristica, gli utenti devono accedere alle impostazioni sul sito web di ChatGPT o attraverso la piattaforma OpenAI Developer. Il primo passo prevede l’uso di un’app di autenticazione sul proprio dispositivo mobile, necessaria per scansionare un codice QR. Questo permette di aggiungere le password temporanee (TOTP) all’app di autenticazione.

Come Attivare l’Autenticazione a Più Fattori per una Sicurezza Potenziata

Dopo aver configurato l’MFA, è richiesto di inserire un codice a 6 cifre, generato automaticamente e che varia nel tempo, ogni volta che si effettua l’accesso all’account. Ecco i passaggi per attivare l’autenticazione a più fattori:

  • Selezionare il proprio nome situato in basso a destra della pagina.
  • Accedere alla sezione “Parametri”.
  • Attivare l’opzione per l’autenticazione a due fattori sotto “Generale”.
  • Inserire nuovamente le proprie credenziali di accesso.
  • Scegliere un’app di autenticazione, ad esempio Google Authenticator.

Nel corso della configurazione dell’MFA, viene fornito agli utenti un codice di recupero. È essenziale conservare questo codice in un posto sicuro, poiché è vitale in caso di perdita del dispositivo o incapacità di utilizzare i codici TOTP. Questo codice offre un metodo alternativo per recuperare l’accesso all’account, attraverso un codice inviato via email all’indirizzo associato all’account.

Gli specialisti della sicurezza informatica enfatizzano l’importanza dell’MFA o 2FA per tutti i servizi online, in quanto introduce un livello di sicurezza supplementare che protegge l’account anche nel caso in cui la password venga compromessa. Tuttavia, è fondamentale rimanere vigili, poiché l’MFA non è esente da vulnerabilità. Si sono verificati episodi in cui gli hacker sono riusciti a eludere l’autenticazione a più fattori, sfruttando sessioni già autenticate o inducendo l’utente alla stanchezza attraverso continue richieste di autenticazione, fino a spingerlo ad accettare per esasperazione.