Un arcipelago di macchie solari solleva preoccupazioni: è 15 volte più grande della Terra

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it arcipelago di macchie solari

Recenti osservazioni hanno rivelato un imponente arcipelago di macchie solari, noto come AR3490, che si estende per 200.000 chilometri, rendendolo 15 volte più grande della Terra. Questa regione, una delle più vaste osservate nell’ultimo decennio, si trova attualmente di fronte alla Terra, aumentando il rischio di impatti diretti. La presenza di AR3490 e di un successivo gruppo di macchie, AR3491, segnala un’intensa attività solare e un forte campo magnetico, che influisce sulla dinamica del Sole e potrebbe causare disturbi elettrici e di comunicazione sulla Terra.

Le eruzioni solari, potenti esplosioni sull’astro, possono generare particelle e radiazioni che, interagendo con il campo magnetico terrestre, causano tempeste geomagnetiche. Queste tempeste possono disturbare i sistemi di comunicazione, come GPS e radio, e possono indurre correnti elettriche nei reti di distribuzione, minacciando di danneggiare l’infrastruttura elettrica e provocare blackouts.

Le eiezioni di massa coronale (CME), un altro fenomeno solare, quando raggiungono la Terra, possono anch’esse scatenare tempeste geomagnetiche. Sebbene siano la causa degli spettacolari aurore boreali, possono anche disturbare le comunicazioni radio e danneggiare i satelliti, specialmente quelli in orbita geostazionaria, fondamentali per meteo, comunicazioni e navigazione.

Gli specialisti in astrofisica avevano previsto la comparsa di questi agglomerati di macchie solari attraverso la rilevazione di “oscillazioni eliosismiche“, ovvero movimenti ondulatori sulla superficie del Sole, originati da questa specifica zona. La notevole estensione di quest’area maculata è sufficiente a modificare le modalità di vibrazione dell’intero astro.

Monitoraggio e strategie

I progressi nella sorveglianza delle macchie solari, come quelli effettuati dal Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA, permettono di monitorare e prevedere le eruzioni. Gli scienziati seguono da vicino questi fenomeni, poiché le variazioni nella loro struttura potrebbero indicare eruzioni più potenti in arrivo. L’anticipazione di tali eventi è fondamentale per fornire avvisi tempestivi, permettendo l’attuazione di misure protettive per minimizzare l’impatto su infrastrutture critiche e sulla vita quotidiana.

Le Autorità e le aziende tecnologiche stanno infatti adottando misure proattive per rafforzare la resilienza delle infrastrutture, come la protezione delle reti elettriche dalle tempeste geomagnetiche e il rafforzamento delle reti di comunicazione. Si stanno sviluppando piani di emergenza e protocolli per mantenere i servizi essenziali e informare il pubblico in caso di gravi perturbazioni, garantendo così la sicurezza e il benessere delle popolazioni, nonché la continuità delle attività economiche e sociali.