Apple rivoluziona i pagamenti in Italia con Tap to Pay su iPhone

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it Apple rivoluziona i pagamenti in Italia con Tap to Pay su iPhone

Apple ha annunciato l’introduzione della funzione Tap to Pay su iPhone in Italia, consentendo alle attività commerciali di accettare pagamenti contactless in modo facile e sicuro. Questa innovativa funzionalità permetterà a milioni di esercenti, dalle piccole attività ai grandi retailer, di ricevere pagamenti tramite carte di credito, debito, prepagate, Apple Pay e altri wallet digitali, semplicemente utilizzando un iPhone, senza bisogno di dispositivi aggiuntivi o terminali di pagamento.

Tap to Pay su iPhone è ora disponibile per fornitori di piattaforme e sviluppatori di app di pagamento in Italia. Questi ultimi potranno integrare la funzione nelle loro soluzioni iOS, offrendo così agli esercenti un nuovo metodo di pagamento. Adyen, myPOS, Nexi, Revolut, Stripe, SumUp e Viva sono tra le prime piattaforme a rendere disponibile Tap to Pay su iPhone per i loro clienti italiani, e presto seguiranno Fabrick, Numia e Sella. A partire da oggi, questa funzionalità è attiva anche in tutti gli Apple Store italiani. Jennifer Bailey, Vice Presidente di Apple Pay e Apple Wallet, ha dichiarato:

Tap to Pay su iPhone ha rivoluzionato l’esperienza di checkout in tantissime attività commerciali in Europa e in altri Paesi, e siamo entusiasti di collaborare con le piattaforme di pagamento per supportare gli esercenti in Italia offrendo loro un metodo semplice, sicuro e privato per accettare pagamenti contactless tramite iPhone e un’app iOS abilitata da un partner, senza la necessità di ulteriori dispositivi.

Grazie a Tap to Pay su iPhone, gli esercenti possono accettare pagamenti contactless utilizzando solo un iPhone e un’app iOS compatibile. Al momento del pagamento, il commerciante chiederà al cliente di avvicinare la carta, l’iPhone, l’Apple Watch o un altro wallet digitale al proprio iPhone, completando la transazione in sicurezza tramite la tecnologia NFC. Questo elimina la necessità di ulteriori strumenti, permettendo alle attività commerciali di accettare pagamenti ovunque operino. Attualmente, il 99% dei negozi italiani accetta pagamenti contactless, inclusi Apple Pay, e con Tap to Pay su iPhone, praticamente ogni attività potrà beneficiare di questa tecnologia.

La sicurezza e la privacy sono prioritarie per Apple. I dati di pagamento sono protetti dalla stessa tecnologia utilizzata per Apple Pay, con tutte le transazioni criptate e processate tramite il Secure Element. Apple non memorizza i numeri della carta né le informazioni sulla transazione sul dispositivo o sui server Apple, garantendo così un alto livello di privacy.

Collaborazioni strategiche per l’implementazione del servizio

Apple collabora con le principali piattaforme e app di pagamento per offrire Tap to Pay su iPhone in Italia. Questa funzione integra e migliora gli strumenti esistenti, fornendo agli sviluppatori di app e piattaforme di pagamento un ulteriore metodo per aiutare i loro clienti a gestire ed espandere le attività. Tap to Pay su iPhone supporta le carte di credito, debito e prepagate contactless dei principali circuiti come American Express, Discover Global Network, Diners, Mastercard e Visa.

Roberto Catanzaro, Chief Business Officer di Nexi, ha commentato:

Tap to Pay su iPhone con l’app iOS Nexi SoftPOS offre agli esercenti italiani maggiore flessibilità e nuove opportunità di incasso, richiedendo solo un iPhone. Questo servizio semplifica le esperienze di acquisto per i consumatori.

Luke Griffiths, Chief Commercial Officer di SumUp, ha aggiunto:

Siamo entusiasti di collaborare con Apple per il lancio di Tap to Pay su iPhone in Italia. La disponibilità di questa funzione permette anche ai piccoli esercenti di accettare pagamenti contactless ovunque, senza costi aggiuntivi per hardware, rivoluzionando il modo in cui professionisti e commercianti interagiscono con i clienti.

Tap to Pay su iPhone è ora disponibile per i kit di sviluppo (SDK) delle piattaforme di pagamento e i loro partner di sviluppo di app. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web Apple Developer.