A breve potremo ammirare una “nuova” stella visibile ad occhio nudo!

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it T Coronae Borealis illustrazione artistica

Si prevede che un evento celestiale straordinario, un sistema stellare situato a 3.000 anni luce di distanza dalla Terra, diventerà visibile ad occhio nudo nel prossimo futuro. Questo fenomeno, una vera e propria rarità cosmica, offre un’opportunità unica dato che l’esplosione di una nova come questa si verifica solamente ogni 80 anni circa. La stella in questione, nota come T Coronae Borealis o T CrB, ha manifestato l’ultimo episodio di esplosione nel lontano 1946. Gli astronomi anticipano con grande interesse che tale fenomeno si ripresenterà in un periodo compreso tra febbraio e settembre del 2024. Normalmente, questo sistema stellare possiede una magnitudine pari a +10, rendendolo troppo debole per essere osservato senza l’ausilio di strumenti. Tuttavia, durante l’evento imminente, la sua magnitudine si intensificherà raggiungendo +2, paragonabile quindi alla luminosità della stella Polare, Polaris.

Una volta che il picco di luminosità sarà raggiunto, il fenomeno sarà visibile ad occhio nudo per diversi giorni, e persino per poco più di una settimana se osservato attraverso un binocolo, prima di tornare alla sua consueta intensità luminosa, forse per un altro ciclo di 80 anni. La Corona Boreale, costellazione in cui si verifica questo spettacolare evento, è identificabile come un piccolo arco semicircolare situato vicino alle costellazioni del Boote e di Ercole. È in questa precisa area del cielo che l’esplosione di nova si manifesterà come una nuova stella luminosa, catturando l’attenzione di osservatori e appassionati.

Il meccanismo dietro l’esplosione di una nova ricorrente

La peculiarità di T Coronae Borealis risiede nella sua natura di nova ricorrente, una delle sole cinque conosciute nella nostra galassia. La spiegazione di tale fenomeno astronomico risiede nella composizione del sistema stellare: un binomio formato da una nana bianca e una gigante rossa. Queste due stelle si trovano a una distanza tale che, quando la gigante rossa diviene instabile a causa dell’incremento di temperatura e pressione, iniziando così a espellere i suoi strati esterni, la nana bianca cattura questo materiale sulla propria superficie. L’accumulo di materia sulla nana bianca porta all’innalzamento della temperatura fino a scatenare una reazione termonucleare incontrollata, dando origine all’esplosione nova visibile dalla Terra.

T Coronae Borealis illustrazione artistica NASA
©NASA’s Goddard Space Flight Center

Un’immagine illustrativa mostra la dinamica tra la gigante rossa e la nana bianca: la prima, un’imponente sfera dai colori che spaziano dal rosso all’arancione e al bianco, orbita attorno alla seconda, la quale è avvolta da un’intensa luminosità di bianco e giallo, indicativa di un disco di accrescimento.

Un flusso materiale, rappresentato da una nube rossa diffusa, si estende dalla gigante rossa alla nana bianca. L’illustrazione evidenzia l’esplosione di nova sulla nana bianca, un bagliore che inonda lo schermo di luce, seguito dalla visione di una sfera di materiale espulso in tonalità di arancione pallido, con una residua piccola macchia bianca a indicare la sopravvivenza della nana bianca dopo l’esplosione.