Curiosity: partito con successo alla volta di Marte

msl_partenza

È partita con successo sabato 26 la missione Mars Science Laboratory della Nasa, che porterà su Marte il rover Curiosity. Il dispositivo della Nasa andrà a studiare il suolo marziano alla ricerca di eventuali condizioni che possano confermare o negare la possibilità che anche sul pianeta rossa possa esserci (o esserci stata) la vita.

Come abbiamo pià volte ricordato, obiettivo principale della missione sarà quello di andare a caccia di prove riguardanti la vita microbica o ancora degli ingredienti chimici che sono testimoni della presenza della vita. Con i suoi dieci sofisticati strumenti, Curiosity guarderà oltre il suolo di Marte, utilizzando anche un laser per scrutare all'interno delle rocce e dei loro gas.

Il decollo della navicella Atlas V è avvenuto senza problemi da Cape Canaveral, in Florida, sabato alle 16 circa, ora italiana, dallo Space Launch Complex 41. “Non vediamo l'ora di effettuare l'atterraggio sulla superficie di Marte, non potremmo essere più felici," ha dichiarato John Grotzinger, scienziato del progetto Mars Science Laboratory del California Institute of Technology. "Penso che questa missione sarà un importante passo effettuato della Nasa per affrontare il problema della vita nell'universo."

Tuttavia, secondo Grotzinger, questa missione sarà differente dalle precedenti perché oltre a cercare acqua e condizioni per la vita, andrà alla scoperta di antiche zone abitate, potenzialmente da antiche civiltà. Sempre che siano esistite, chiaramente.

"La fantascienza oggi è diventata scienza", ha detto Doug McCuisition, direttore del Mars Exploration Program al quartier generale della Nasa.

Adesso occorrerà attendere fino alla prossima estate. Nell'agosto del 2012, Curiosity sbarcherà su Marte nel cratere Gale. Sul rover ci saranno anche due opere di Leonardo da Vinci, l'autoritratto e il Codice del Volo.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico