Tutto quello che c'e' da sapere sull'equinozio d'autunno

autumn

Lo sapevate che quest'anno l'equinozio d'autunno non cadrà il 21 settembre? Dovremo attendere il 22 e, in alcuni paesi, addirittura il 23 settembre per abbandonare l'estate ed entrare nella stagione dai toni caldi.

Nell'emisfero settentrionale, il Sole sorgerà più tardi e la notte arriverà prima. L'equinozio, in pratica, giunge quando le giornate sono più brevi e la durata del giorno e della notte è approssimativamente la stessa. Inoltre, l'autunno porta temperature più fresche, mentre a sud dell'equatore ha inizio la primavera.

Gli uomini primitivi trascorrevano molto più tempo di noi all'aria aperta. E il cielo per essi era sia un orologio che un calendario. Il Sole sciorinava le ore della giornata nonché la sua lunghezza e il luogo in cui esso tramontava o si alzava era regolare durante tutto l'arco dell'anno. Ai nostri antenati si devono i primi osservatori per analizzare il passaggio della nostra stella. In Perù, Machu Picchu ospita la pietra Intihuatana la cui funzione era quella di mostrare l'esatta data dei due equinozi, come di altri importanti periodi dell'anno.

Oggi, sappiamo che l'equinozio ed il solstizio sono eventi astronomici, causati dalla posizione dell'asse della Terra nel corso della incessante orbita attorno al Sole. Gli emisferi settentrionale e meridionale ricevono la luce ed il calore in modo diverso. Viviamo l'equinozio due volte l'anno, in primavera e in autunno, quando l'inclinazione dell'asse terrestre e la sua orbita attorno al Sole si combinano in modo tale che l'asse non sia inclinato né verso il Sole né contro di esso.

Entrambi gli emisferi terrestri ricevono dunque i raggi solari perfettamente allora stesso modo. Non a caso l'etimologia della parola equinozio è proprio la parola latina 'equinox', il cui significato è aequus (uguale) e nox (notte). E nell'emisfero settentrionale è proprio quello che stiamo vivendo. Il momento in cui l'estate ci abbandona e l'inverno si preannuncia.

In natura, è questo il periodo delle migrazioni degli uccelli. Mentre noi, gli umani, smettiamo di vestirci di bianco prediligendo toni più caldi. Il mondo animale, invece, trasforma la propria pelliccia con un manto più pensante per fronteggiare le temperature rigide dell'inverno. Alberi, piante e fiori terminano il loro periodo di crescita. Ma ci sono noti i colori intensi che assumono le foglie in autunno. Uno sguardo al cielo? Fomalhaut, la stella autunnale, è ben visibile nei cieli notturni.

Le stagioni, non bisogna dimenticarlo, hanno durate diverse. Ed è proprio l'estate ad essere la stagione più duratura, sebbene a noi appaia quella più breve. Di qui il motivo per cui l'autunno arriva in "ritardo". Quest'anno il Sole raggiungerà la longitudine di 180 gradi in concomitanza con il 23 settembre.

Che sia il 22 o il 23, dunque, l'arrivo dell'autunno dipenderà dal posto sulla Terra in cui se ne attenderà il sopraggiungere.

Federica Vitale

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico