Ubriachi o lucidi? questa app giudica la tua sobrietà attraverso gli scioglilingua

Entra nel nuovo canale WhatsApp di NextMe.it App ubriaco

Una semplice app per smartphone sta per rivoluzionare il modo in cui riconosciamo lo stato di ubriachezza. Questa applicazione, utilizzando i sensori del telefono, può valutare se una persona è troppo ubriaca per guidare semplicemente analizzando i cambiamenti nella sua voce. Durante la ricerca, i partecipanti hanno bevuto alcol basato sul loro peso e poi hanno provato a dire scioglilingua in momenti diversi: prima e dopo aver bevuto, fino a sette ore dopo. Lo smartphone, posizionato su un tavolo, registrava il tutto.

Contestualmente, i ricercatori misuravano l’alcol nel respiro dei partecipanti. Con un software speciale, hanno analizzato le voci isolandole e suddividendole in segmenti di un secondo, per studiare caratteristiche come la frequenza e il tono. Questo confronto tra voce e alcol nel respiro ha mostrato che l’app è precisa al 98% nel rilevare lo stato di ebbrezza. Lo studio, frutto della collaborazione tra Stanford Medicine e l’Università di Toronto, ha coinvolto 18 adulti.

Potenziale e semplicità d’uso

Il Professore Brian Suffoletto di Stanford Medicine, capo della ricerca, si è detto sorpreso dall’alta accuratezza del modello. L’app mira a prevenire incidenti e infortuni, offrendo un metodo semplice e accessibile per capire se qualcuno ha bevuto troppo. L’idea è di avere uno strumento che, in modo discreto e non invasivo, monitori i segnali dell’ubriachezza durante le normali attività quotidiane, come spiegato dal Professor Suffoletto:

Invece di chiedere continuamente a qualcuno quanto ha bevuto, cosa che potrebbe risultare fastidiosa, l’app può valutare autonomamente la situazione.

Il team raccomanda ulteriori ricerche con partecipanti di diverse etnie per confermare l’efficacia dell’app. Collaborazioni con aziende di dispositivi intelligenti potrebbero accelerare lo sviluppo di sistemi di prevenzione. L’obiettivo è creare un sistema utile e facile da usare, che possa salvare vite. Il Professor Suffoletto ha inoltre sottolineato l’importanza del tempismo nelle notifiche dell’app: un promemoria sui limiti di consumo può essere utile all’inizio, ma meno efficace se la persona è già molto ubriaca.