SpaceX: tutto pronto per il lancio nuovo lancio di Dragon domani

spaceX dragon

Lo SpaceX Falcon 9 sta per prepararsi ad un nuovo lancio, programmato per domani 1° marzo, alle ore 10.30. Il lancio avverrà, come di consueto, dalla base di Cape Canaveral, in Florida.

Dopo il lancio, la sonda Dragon si separerà dal razzo Falcon 9 e proseguirà la sua strada verso la Stazione Spaziale Internazionale. Questo viaggio, contrassegnato dalla sigla CRS-2, è appunto il secondo di almeno 12 missioni all'interno di un progetto di Commercial Resupply, ossia di rifornimento della stazione stessa. La stiva di Dragon, infatti, sarà riempita con circa 1.200 chili di materiali di consumo da consegnare all'equipaggio della ISS. Dragon tornerà sulla Terra dopo poco più di tre settimane e solo dopo aver provvisto la ISS degli attrezzi necessari.

SpaceX, fondata da PayPal e dal cofondatore di Tesla Motors Elon Musk, ha già effettuato numerosi lanci di successo con i suoi veicoli spaziali. Ci si augura che anche la missione CRS-2 ottenga lo stesso successo dei viaggi precedenti. L'obiettivo è quello di riuscire a portare a termine tutti i viaggi prefissati da Elon Musk. Un altro degli obiettivi di Musk è quello ambizioso di trasformare Dragon da semplice cargo merci a veicolo predisposto per ospitare un equipaggio. E, nel migliore dei casi, a rendere il turismo spaziale una realtà.

Gli ultimi dodici mesi sono stati davvero molto impegnativi per la Space Exploration Technologies, o SpaceX. Nel mese di maggio 2012, Dragon volò trionfalmente alla volta della Stazione Spaziale Internazionale in un viaggio di dimostrazione, diventando il primo veicolo commerciale ad essere approdato sulla stazione orbitante. Nel mese di ottobre, invece, si è stipulato il contratto con la Nasa. Un successo che, tuttavia, è stato temperato da un'anomalia ad un motore a soli 80 secondi dal lancio. Ora, quasi cinque mesi dopo, un altro Dragon carico di provviste si appresta a ripristinare la propria reputazione.

Dragon misura 19,3 metri di lunghezza e 12 metri di larghezza. Dei rifornimenti a bordo, poco più della metà sono quelli dedicati alla ricerca scientifica. In questi, sono inclusi due General Laboratory Active Cryogenic ISS Experiment Refrigerators (GLACIER), ossia laboratori criogenici alimentati per supportare i campioni biologici mediante un controllo termico tra i -160 ° C e i +4 ° C. Inoltre, saranno inviati sulla ISS una unità elettronica di ricambio per uno dei Minus-Eighty Laboratory Freezers della ISS (MELFI) e un Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA), una sorta di letto a disposizione dell'equipaggio.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Space X e Bigelow Aerospace: passeggiate spaziali per tutti

- Space X lancia Falcon 9: al via la nuova era dei razzi spaziali privati

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico