Il supereroe Thor ispira la Nasa

nanothor-satellite-logo

Ancora la fiction che si insinua nei progetti spaziali. Questa volta protagonista è Thor, supereroe dei fumetti pubblicati dalla Marvel Comics. In The Avengers come nella mitologia norrena, Thor è uno dei pochi Dei che si prodiga “anima e corpo” per la difesa della Terra, schierandosi apertamente dalla parte degli uomini. E il progetto della Nasa prende ispirazione proprio dalla mitologia. Si chiama NanoTHOR Project ed ha come obiettivo quello di scagliare i satelliti in direzione di altri pianeti.

In pratica, si tratterebbe di lanciare i satelliti a bordo di alcuni razzi. I satelliti sarebbero legati a questi mediante delle catene la cui lunghezza misura anche alcune miglia. Ciò permetterebbe di far volteggiare i satelliti in un modo del tutto simile a come Thor fa volteggiare il suo martello, grazie alla sua forza sovrumana.

La Nasa ha stanziato 100 mila dollari per questo progetto direttamente prelevati dal proprio Innovative Advanced Concepts, un fondo dedicato ai finanziamenti di nuovi progetti. I satelliti coinvolti nel programma saranno noti come CubeSats e saranno molto piccoli, quanto una fetta di pane per intendersi. Ciò solleva non pochi dubbi, soprattutto riguardo un possibile calcolo sbagliato nella traiettoria o un impatto contro un oggetto.

Ciò di cui abbiamo bisogno è capire come possiamo lavorare con il provider del razzo in modo che si possa controllare la loro parte superiore e aiutarci ad ottenere un sistema costante e un lancio lineare del carico", spiega Robert Hoyt, CEO e scienziato del Tethers Unlimited Inc.

Hoyt ed i suoi colleghi sono impegnati da anni nello sviluppo di catene in fibre leggere ma resistenti. La sfida è quella di ideare un sistema che sia anche economico e che si avvalga semplicemente di un attacco tra il razzo e il proprio satellite. I fondi della Nasa non sono abbastanza, ma i progetti di Tethers Unlimited per il momento si concentrano sulla simulazione al computer per testare il grado di praticità e di fattibilità dell'idea.

Federica Vitale

Cerca