Enterprise: il secondo shuttle Nasa sorvola New York

enterprise ny

È l'Intrepid Sea, Air and Space Museum ad aprire le sue porte allo Space Shuttle Enterprise. Giunto a New York lo scorso 27 aprile alle 11.21 locali, il prototipo dello shuttle ha sorvolato la Grande Mela regalando ai fortunati presenti stupende immagini ricordo con i più importanti monumenti della metropoli americana, tra cui la Statua della Libertà, prima di atterrare all'aeroporto JFK.

Meraviglia anche tra quanti non erano a conoscenza del suo arrivo e lo hanno visto sorvolare lo skyline inconfondibile di NY. Ed è al JFK che lo shuttle rimarrà per alcune settimane fino a quando non sarà trasportato sull'Intrepid, la portaerei ormeggiata sul fiume Hudson, che a sua volta sarà ancora una dimora provvisoria in attesa di quella definitiva.

Enterprise fu costruito nel 1976 e fu utilizzato come prototipo. Per tale ragione è l'unico shuttle del programma della Nasa a non aver mai volato nello spazio e, per ironia del destino, quello del suo pensionamento è stato il suo primo ed ultimo volo. Inoltre, è la seconda delle quattro navicelle dell'agenzia spaziale ad andare in pensione dopo lo shuttle Discovery, che abbiamo visto sorvolare i cieli di Washington D.C. lo scorso 17 aprile.

E come per il suo predecessore, anche Enterprise ha sorvolato i cieli americani agganciato al Boeing 747 modificato appositamente dalla Nasa. Il prototipo è così potuto partire dall'aeroporto di Washington Dulles, dopo aver lasciato lo Smithsonian Air National and Space Museum, il museo nazionale dello spazio della capitale, dove era ospitato. Lo stesso museo dove ora è possibile ammirare da vicino il Discovery.

Online si rincorrono le ultime immagini dell'Enterprise, in attesa dell'ultimo volo che coinvolgerà lo shuttle Endeavour. A breve, infatti, questa navicella raggiungerà la West Coast, in California, mentre solo Atlantis rimarrà esposto al Kennedy Space Center, in Florida.

Federica Vitale

Cerca